Amici, Karima Ammar: “Sono etichettata come una che se la tira, ma non sono così”

di Sara Bianchessi Commenta

Karima Ammar, ex concorrente di Amici, parla della sua esperienza nel talent show, di ciò che fa ora e dell’immagine di una che se la tira che le hanno appiccicato addosso, ma non le appartiene.La cantante, in un’intervista a davidemaggio.it, dice:

Non è essere fuori dal circo mediatico ma è essere dentro qualcosa che mi appartiene di più. Non è che voglio fare l’alternativa o fare delle cose di nicchia perchè così sono figa. Faccio cose di nicchia perchè rispecchiano quello che sono e la musica che amo. Quando sono arrivata ad Amici avevo già un bel bagaglio di teatro, musical, festival e quindi è stato un modo per farmi conoscere al grande pubblico con la consapevolezza che, una volta finita quell’esperienza, sarei tornata a fare ciò che ho sempre fatto.

Karima, a chi le chiede perchè non le piaccia parlare di Amici, risponde:

Non è che non mi piace parlare di Amici ma magari una persona fa un percorso e c’è anche dell’altro oltre ad Amici.

La Ammar ricorda la sua esperienza nel talent show di Canale 5:

Ma io devo tantissimo a Maria De Filippi, devo tantissimo a Mediaset, devo moltissimo a Fascino anche se quell’esperienza mi ha fatto stare male, mi ha messo di fronte a tante cose. Stare lì dentro non è un gioco ed emotivamente ti mette alla prova: perdi i contatti con la famiglia, per un mese e mezzo non puoi vedere e sentire nessuno. Ti vengono quindi a mancare dei punti fermi della tua vita anche se sai che ci sono; in più devi lottare per rimanere nella scuola, è un continuo vivere sul filo perchè alla fine nella scuola vuoi rimanere. Dunque… Tensioni su tensioni, paure su paure. Ecco perchè piangevo sempre: era il mio modo di sfogarmi.

La cantante spiega che la gente si fa spesso un’idea sbagliata di lei:

Si lotta e si piange perchè la vita non è facile, ti presenta sempre ostacoli da superare e gli ostacoli si superano credendo nei propri sogni, lavorando costantemente tutti i giorni. L’importante è provarci, se poi non raggiungi l’obiettivo almeno potrai dire ‘ce l’ho messa tutta’. Io a volte sono stata etichettata come quella che se la tira ma non è così: a me i più grandi hanno sempre insegnato a puntare a fare 100, in maniera tale che almeno ad 80 ci si arrivi. Purtroppo, poi, in televisione, spesso ciò che viene mandato in onda è tagliato affinchè tu sia un’altra.

Karima è soddisfatta di ciò che fa ora:

Secondo me la carriera di una persona oscilla molto, specialmente in un momento come questo dove non ci sono garanzie di nessun tipo: un giorno sei alle stelle, un giorno alle stalle. Dove sono ora non lo so, ma sto bene. Faccio una trasmissione che mi piace, Carlo Conti è una persona di grande cultura e mi piace molto. Spesso i conduttori non sono parte integrante di quello che succede; Carlo, invece, è sempre presente, è parte viva del programma, vive tutto insieme a noi.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>