Claudia Casciaro a Mondoreality: “Nei talent la musica viene subordinata e c’è il rischio che perda valore”

di Sara Bianchessi Commenta

Claudia Casciaro racconta a noi di Mondoreality del suo nuovo singolo, parla dell’esperienza ad Amici, dei sogni per il futuro, dell’importanza dell’immagine nel suo lavoro, di talent e di tanto altro.E’ da poco uscito il tuo singolo Canta!, ce ne parli?

Ebbene si, dal 3 giugno è disponile su tutti i digital stores il mio nuovo singolo “Canta“, un motivo fresco e adatto proprio a dare il benvenuto all’estate 2013. Tutto made in salento, dal testo, scritto da Cristiana Verardo, cantautrice salentina all’arrangiamento musicale, insomma tutto opera della mia terra. Una canzone che parla di me,delle mie esperienze passate, un inno a tutte le forme d’arte e in questo caso il canto, mia unica e sola passione.

Hai più volte dichiarato di aver perso 25 kg, quanto è importante l’immagine nel tuo lavoro?

Si,infatti non ho mai nascosto il fatto di essere stata in sovrappeso, e non è stato facile raggiungere il peso che ho adesso, ma gli standard musicali non ammettono un’immagine brutta e grassoccia associata alla musica, e poi non dimentichiamoci che mantenere un certo stile di vita e mangiare cibi sani non è malsano!!!

Ci sono degli artisti a cui ti ispiri?

Sin da piccola ho avuto la passione per i miti degli anni 70, quali Janis Joplin, Etta James, James Brown, e quindi è da loro che sono stata sempre ispirata e continuo ad esserlo. La buona musica non muore mai.

Qual’è la tua attuale situazione sentimentale?

Attualmente la mia situazione sentimentale gode di un ottima posizione, sto bene e non mi manca l’amore.

Cosa ti ha lasciato l’esperienza fatta ad Amici?

Amici è un’esperienza che può capitarti una sola volta e ti lascia dentro qualcosa di importante. La lunga permanenza nel programma mi ha fatto acquisire più consapevolezza di me stessa, dei miei limiti, ma soprattutto che la musica è piena di ostacoli e difficoltà da sormontare e la determinazione e la caparbietà devono far parte del tuo carattere.

Cosa sogni per il tuo futuro?

Per il mio futuro? Sarebbe retorico dire che sogno un futuro da cantante, riempire gli stadi e continuare ad essere apprezzata dalla gente, ma sono una con i piedi troopo per terra, quindi la mia risposta non può essere che “chi vivrà vedrà”..sono sicura anche che il tempo ripagherà la determinazione e il lavoro di un’artista.

Secondo te i talent aiutano veramente la musica?

Non dimentichiamoci che i talent sono programmi televisivi e ciò implica un intrattenimento che va anche al di là della musica,o di qualsiasi altra forma d’arte, per renderlo più appassionante e coinvolgente agli occhi del pubblico, quindi è normale che a volte la musica venga subordinata, però c’è il rischio che perda allo stesso tempo il suo vero valore.

Sappiamo che eri un’appassionata telespettatrice di Amici anche prima di partecipare, quali sono stati i tuoi concorrenti preferiti?

Si, io guardo Amici dalla prima edizione, e potete immaginare quale sia stata la mia reazione una volta entrata. Ho sempre ho avuto i miei preferiti, e ancora oggi credo che il talento assoluto di tutte le edizioni sia stato Antonino Spadaccino, una vera rivoluzione nel campo delle vocalità italiane, una voce che ancora non sono riuscita a sentire da nessun’altra parte.

Qual’è il più bel complimento che tu abbia mai ricevuto?

Beh se parliamo di complimenti fatti all’interno del programma non posso non menzionare quello fatto da Sharone Stone in una puntata del serale quando mi paragonò alla grande Eartha Kitt.

Qual’è stato il momento più emozionante di dell’esperienza ad Amici?

Non c’è n’è uno in particolare, ma tutti i momenti all’interno del talent sono stati emozionanti, forse quello che ricordo con più importanza è stato il momento dell’entrata, suppongo che un’emozione così non mi capiterà più, un misto tra reale e surreale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>