L’Isola dei Famosi, Davide Di Porto debutta a teatro

di Fabiana Commenta

È stato uno dei naufraghi alla settima edizione de L’Isola dei Famosi 7 dove è approdato in qualità di non famoso e Davide Di Porto, 50enne body builder romano, ha ottenuto subito una certa notorietà diventando quel che si definisce un personaggio.

Dopo la partecipazione all’Isola decise però di gettarsi nel mondo del porno causando non pochi problemi in famiglia dato che aveva una moglie e quattro figli. A distanza di qualche anno, Di Porto si è pentito della sua scelta e ha deciso di tornare a calcare le scene dello spettacolo approdando a teatro con Ippolita la schiava in cui dovrà cimentarsi con un ruolo en travesti. 

Se me lo avessero detto qualche anno fa, mi sarei fatto una grande risata! Invece la vita è proprio imprevedibile. Quella di Ippolita, poi, somiglia tanto alla mia storia: anche lei, come me, ha fatto scelte scandalose. Grazie a questo personaggio mi sono dato un’altra possibilità e la mia carriera ricomincia da qui. Mi auguro che quest’esperienza possa aiutare a ricucire lo strappo che c’è nel rapporto con mia moglie Ida e a superare le nostre difficoltà.

Ha detto intervistato da Nuovo.

Ho girato sei o sette film hard e sono rimasto disgustato da quell’ambiente, che mi ha causato anche grandi problemi con la mia compagna e i miei figli. Purtroppo ancora nessuno di loro ha superato quel trauma. Dopo L’Isola dei famosi dovevo pensare a sopravvivere e la pornografia era un’occasione di lavoro. Non mi sono accorto che stavo sbagliando e quando ormai la frittata era fatta, mi sono accorto che ormai ero “marchiato”. La tv non mi voleva più. Ci avevo messo una vita per diventare popolare e un attimo a perdere tutto.

Ha detto Di Porto ammettendo i suoi errori e sperando in questa seconda chance lavorativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>