Amici 16, anticipazioni puntata 9 dicembre 2016

di Redazione Commenta

Amici 16 entra nel vivo, la classe è stata formata e le lezioni sono cominciate. L'appuntamento con la scuola più famosa della Tv è dal lunedì al venerdì, alle 13.50, su Real Time

Amici 16 entra nel vivo, la classe è stata formata e le lezioni sono cominciate. L’appuntamento con la scuola più famosa della Tv  è dal lunedì al venerdì, alle 13.50, su Real Time (Canale 31).

Natalia Titova verifica Raffaella in sala, si aspetta da lei forza, dinamica e sensualità e la osserva nella sua coreografia; durante le prove la docente le fa delle correzioni e poi, separatamente, dice che la vede un po’ “persa”, la vorrebbe rivedere come ai casting; per Emanuel Lo è ancora tutta da scoprire, non ha una grande tecnica ma ha personalità; alla Celentano l’allieva non dà niente, la definisce “trasparente”. Lo Strego parla con Moro dell’inedito che eseguirà domani, “Il dj”, anche se lui ne avrebbe preferito un altro, “Il consumatore”, che gli fa ascoltare subito dopo; l’insegnante gli consiglia di esibirsi dal vivo con una piccola orchestra e poi di lui dice in disparte che è il cantautore che più l’ha colpito, esprime i concetti in maniera originale e fa suonare bene le liriche del brano; per Di Francesco “è” o vuole essere un personaggio ma potenzialmente è bravo anche se la gente vuole verità e non finzione. Si discute in bagno di strategie per lo speciale di domani, anche perché il regolamento prevede che chi per due volte resta in panchina, può andare d’ufficio alla proposta di eliminazione, le due squadre fanno le audizioni tra cantanti e ballerini, dopo un lungo confronto, restano fuori squadra Andreas e Mike Bird; quest’ultimo si rinchiude in bagno ripetendo all’infinito come un “mantra” la sua amarezza di restare nuovamente in panchina per un’altra settimana. Anche Andreas non prende bene l’esclusione ma la Peparini durante una lezione lo rimprovera perché non ha reagito nei confronti de Lo Strego; il ballerino spiega che non è solito comportarsi in quel modo, ma l’insegnante insiste, avrebbe dovuto far sentire la propria voce anziché accettare sommessamente la decisione; Andreas balla e al termine la Peparini è soddisfatta – Lo Strego cantasse e tu balli! -. Boosta fa ascoltare ad Elisa “Wild Boys” dei Duran Duran, dandole delle indicazioni per cantarlo al meglio “mescolando” tutti i colori della sua voce.

Garrison e la Titova verificano Cosimo nella coreografia del primo, lei gli dice che deve sfruttare la sua capacità di latinista e crederci un po’ di più, mentre Garrison sostiene che, quando affronta una disciplina non sua, si frena un po’; per la Titova manca un po’ di istinto, in alcuni momenti è troppo preciso meccanicamente però l’atteggiamento è quello giusto. Rudy definisce Giada la “tipica brava cantante” e precisa, non è un complimento, perché la ragazza non lo emoziona quasi mai; l’allieva gli fa ascoltare un inedito in inglese , che narra la storia tra lei e i suoi genitori e il docente le chiede perché non canti in italiano, presumendo che stia mettendo una maschera, una sorta di barriera tra lei e chi l’ascolta. Separatamente Zerbi sostiene che cantare non basta, bisogna avere un sentimento e comunicarlo; per Moro deve esplodere e per Braga può fare strada, perché ascolta e vuole sempre mettersi alla prova.

Vittoria fa vedere alla Peparini la coreografia su “Beautiful” che rappresenta la sua storia fuori e dentro la scuola, al termine la docente dice che “arriva tutta” ed è un bello “schiaffo”; la ballerina risponde che non voleva passasse che si butta giù per le critiche e la Peparini chiosa: “Però divertiti!”. Shady è raffreddata e senza voce, arriva in sala Braga ed esprimere la propria delusione per non poter lavorare con lei; l’allieva si commuove e ammette di non aver fatto molti progressi ma non vuole andare via; l’insegnante le consiglia di pensare più a se stessa e cercare il senso dentro di sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>