Amici 6, anticipazioni puntata 23 novembre 2017

di Redazione Commenta

Amici 16 entra nel vivo, la classe è stata formata e le lezioni sono cominciate. L'appuntamento con la scuola più famosa della Tv è dal lunedì al venerdì, alle 13.50, su Real Time (Canale 31).

Amici 16 entra nel vivo, la classe è stata formata e le lezioni sono cominciate. L’appuntamento con la scuola più famosa della Tv  è dal lunedì al venerdì, alle 13.50, su Real Time (Canale 31). Nella puntata in onda oggi vedremo che durante le prove per la sfida prevista sabato tra Francesco e Cosimo, il primo si infortuna al braccio. Si passa a Rudy, che incontra Lo Strego a lezione, gli dice che lo stima e spera possa migliorare frequentando la scuola di “Amici”; l’insegnante gli riassume il giudizio che gli ha dato e poi gli fa eseguire “Ain’t no sunshine”, al termine è soddisfatto perché in questa esibizione l’allievo è uscito dal suo personaggio quindi, trovandolo impreparato sulla storia musicale, gli dà come compito quello di ascoltare interamente l’album “Ziggy stardust” di David Bowie. La Celentano verifica la preparazione di Oliviero e gli fa alcune correzioni durante l’assolo preparato per lui. Si torna a Francesco che rientra in sala relax dopo la visita effettuata al braccio: purtroppo il responso è negativo, si è rotto il tendine e deve stare fermo quattro mesi, poco dopo arrivano Marcello e Stefano e gli comunicano che deve lasciare la scuola, mentre automaticamente Cosimo diventa il ventunesimo allievo ufficiale, quest’ultimo non riesce a gioire, fatica a parlare, si sente molto a disagio e poi abbraccia lo sfortunato rivale della sfida mancata.

Carlo chiacchiera con Francesco chiedendogli quale sia la sua miglior dote, l’allievo ritiene di saper scrivere e soprattutto personalizzare i suoi brani; il docente apprezza molto il suo inedito, ma lo mette in guardia e si augura che anche il resto sia sullo stesso livello; Francesco quindi interpreta “Io vorrei, non vorrei ma se vuoi” e al termine Carlo gli dice che non basta cantare bene, ma saper raccontare qualcosa. Emanuel Lo fa lezione ai ballerini Sebastian, Andreas e Lorenzo, in particolare al secondo chiede di interpretare un gangster nella coreografia. Boosta affronta la prima lezione con i cantanti, dicendo loro che hanno una bella opportunità da sfruttare ma devono scegliere se fare musica per diventare famosi o per avere qualcosa da raccontare; il docente li esorta a non dimenticare mai di essere “autentici e se stessi” poi Marta, Lo Strego e Thomas intervengono per dare le loro opinioni in proposito.

La Celentano a lezione trova Erik totalmente fuori forma, gli fa provare più volte il suo assolo, ma non è soddisfatta poiché riscontra dei momenti in cui sembra “carino” e altri in cui pare non abbia mai studiato danza; durante le prove con Elena D’Amario, Erik scivola e la ballerina si fa male lievemente, l’allievo si spaventa e piange, Elena lo tranquillizza e gli dà alcuni consigli per risolvere i problemi, quindi riprovano la coreografia; tornato in sala relax, il ragazzo prende carta e penna e scrive il pezzo affinché non lo dimentichi, cosa che poi viene imitata anche dagli altri. Marc Lee è entrato nella scuola grazie a Braga, mentre gli altri insegnanti hanno espresso giudizi non molto positivi; l’allievo sa che può essere visto come un personaggio, ma Braga lo invita a non cambiare, deve essere sempre se stesso, cercando di migliorare ove sia necessario; Marc Lee interpreta “Someone like you” di Adele e al termine il professore non è molto contento della sua esibizione e lo mette in guardia, lo difenderà solo se sarà difendibile. Garrison vede Raffaella sotto tono e le fa delle correzioni in sala; la ballerina ammette di non avere esperienza nei passi a due, ma il docente la sprona, deve impegnarsi visto quanto ha fatto per entrare – hai voluto la bicicletta? Ora pedala! – le dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>