Amici, Alessandra Amoroso: in 25 mila a Scafati per il suo concerto

di Redazione 1

Grande successo per  Alessandra Amoroso che il 2 gennaio è stata ospite della rassegna Natale Insieme a Scafati . Per il concerto gratuito della regina di Amici 11, nonostante la pioggia,  sono accorse ben 25mila persone nella cittadina campana da tutta la regione e non solo. A confermare il numero delle presenze è stato il sindaco di Scafati che ha aggiunto come il paese sia stato letteralmente bloccato dai tanti fans della cantante salentina arrivati da ogni parte d’Italia. La Amoroso si è esibita a lungo cantando sia le canzoni più recenti che i suoi successi più conosciuti e intrattenendo il pubblico. In molti però attribuiscono il pienone al solo fatto che il concerto fosse gratuito, voi cosa ne pensate?

Commenti (1)

  1. L’ultima frase non ha alcun senso!
    25mila persone SOTTO LA PIOGGIA lì dalle 7 del mattino fino alle 23:30 di sera sono stati lì solo perchè volevano essere lì per LEI e non perchè si son fatti la passeggiata visto che il concerto era gratuito!Tra l’altro, unico concerto gratuito in 4 anni..i suoi tour sono sempre paganti e i biglietti costano anche tanto, ma fa sempre il pienone ovunque! Quello di scafati era un concerto per festeggiare l’anno nuovo e i concerti di capodanno sono sempre gratuiti quindi che senso ha sottolinearlo?Per cercare di sminuire la cosa?
    Il comune ha detto che, negli anni, non c’erano mai state così tante persone a questo evento!
    Tra l’altro sono accorsi appositamente lì anche dalla Calabria, dalla Sicilia, e da altre zone d’Italia..per vedere e ascoltare lei..disposti a sopportare la pioggia battente che non ha dato tregua sin dalle prime ore del giorno..a cantare insieme a squarciagola ogni suo pezzo, nuovo e vecchio! Un successone insomma, solo per LEI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>