Amici, Mara Maionchi: “Non demonizziamo i talent e diamo tempo ai giovani per emergere”

di Sara Bianchessi 11

Mara Maionchi, nell’ambito della rassegna Bellacanzone, rilascia a Mentelocale.it alcune anticipazioni dell’intervista che le è stata fatta lunedì 20 agosto sul palco di piazza della Pace a Santo Stefano Magra. La signora della discografia italiana, confermata nel corpo docente della prossima edizione di Amici, afferma che i talent show non vanno demonizzati e che ai giovani va lasciato il tempo per emergere.La Maionchi invita a non demonizzare i talent:

Non demonizziamo i talent. Sono un palcoscenico di visibilità come un tempo poteva essere Sanremo Giovani. Per noi discografici è un modo per entrare in contatto con tanti giovani e come tale deve essere inteso. Il successo facile è sempre esistito, così come i fenomeni di una stagione. E dirò di più. I ragazzi oggi fanno più fatica di un tempo ad avere successo, perché negli ultimi sessant’anni la musica ha prodotto molti modelli di artisti e trovare delle novità vere, oggi, è davvero difficile.

Mara dice la sua su Gerardo Pulli, suo allievo e vincitore dell’ultima edizione di Amici:

Gerardo è un ragazzo giovane, ha solo 20 anni, ma è già maturo. Scrive molto bene, è un cantautore di altri tempi. Lavoreremo insieme per mantenere questo suo aspetto tradizionalista calandolo nella contemporaneità dei suoi anni.

La discografica afferma che bisogna dare tempo e fiducia ai giovani artisti emergenti:

Oggi i ragazzi hanno meno tempo per emergere. Non gliene concediamo abbastanza. Insomma diamogli tempo e fiducia a questi nuovi talenti, perché possano ricercare e capire loro stessi per poi emergere per gli artisti che sono.

Voi siete d’accordo con lei?

Commenti (11)

  1. Cara signora Maionchi
    In questa sua intervista, ha infilato più cavolate, che perle su di una collana.
    Ai giovani va lasciato il tempo per emergere?…lo afferma proprio lei, che prima ha osannato e poi abbandonato i suoi “allievi” in Amici11, mi sa dire quanti Allievi sono emersi, da quando Amici si titolava Saranno Famosi?
    Vorrei chiederle: Lei in cosa crede?…crede che sfornare tanti “artisti”(e sono veramente tanti) illudendoli sul fatto sono bravi e una volta finita la festa, abbandonarli al loro destino sia qualcosa di giusto?, crede che i talent siano la meta agognata, dalla quale è imperativo passare se si vuole avere visibilità, una visibilità effimera, che dura il tempo di una stagione, oppure, che questi spettacoli servono a far guadagnare solo chi li organizza?.
    Prima dice che non ci sono novità nel campo musicale e poi mi spennella Gerardo Pulli dichiarando:
    Gerardo è un ragazzo giovane, ha solo 20 anni, ma è già maturo. Scrive molto bene, è un CANTAUTORE DI ALTRI TEMPI. Lavoreremo insieme per mantenere questo suo aspetto tradizionalista calandolo nella contemporaneità dei suoi anni.
    Ma cosa cavolo vuol dire?, chi vuole convincere?, vuole sapere cosa penso io?:
    La lingua è uno strumento meraviglioso, farla girare in bocca e dichiarare ora questo, ora quello a secondo di quanto conviene, oserei dire che è quasi un fatto talentuoso e lei di questo talento ne ha fatto un arte, parolacce comprese.
    Ma i pifferai magici, possono incantare qualcuno per sempre, ma non tutti e sempre.
    Con tutta la mia disistima.
    Giulio

    1. @giulio:
      La Maionchi non sforna artisti, sforna personaggi…
      Mi pare che ad Amici, durante le lezioni, Mara non c’era quasi mai e non si occupava quasi mai della tecnica canora dei suoi allievi, lasciando questo compito a Fabrizio, suo assistente.
      P.S.: come stai? 😛

    2. @giulio: giulio ha detto:

      Cara signora Maionchi
      In questa sua intervista, ha infilato più cavolate, che perle su di una collana.
      Ai giovani va lasciato il tempo per emergere?…lo afferma proprio lei, che prima ha osannato e poi abbandonato i suoi “allievi” in Amici11, mi sa dire quanti Allievi sono emersi, da quando Amici si titolava Saranno Famosi?
      Vorrei chiederle: Lei in cosa crede?…crede che sfornare tanti “artisti”(e sono veramente tanti) illudendoli sul fatto sono bravi e una volta finita la festa, abbandonarli al loro destino sia qualcosa di giusto?, crede che i talent siano la meta agognata, dalla quale è imperativo passare se si vuole avere visibilità, una visibilità effimera, che dura il tempo di una stagione, oppure, che questi spettacoli servono a far guadagnare solo chi li organizza?.
      Prima dice che non ci sono novità nel campo musicale e poi mi spennella Gerardo Pulli dichiarando:
      Gerardo è un ragazzo giovane, ha solo 20 anni, ma è già maturo. Scrive molto bene, è un CANTAUTORE DI ALTRI TEMPI. Lavoreremo insieme per mantenere questo suo aspetto tradizionalista calandolo nella contemporaneità dei suoi anni.
      Ma cosa cavolo vuol dire?, chi vuole convincere?, vuole sapere cosa penso io?:
      La lingua è uno strumento meraviglioso, farla girare in bocca e dichiarare ora questo, ora quello a secondo di quanto conviene, oserei dire che è quasi un fatto talentuoso e lei di questo talento ne ha fatto un arte, parolacce comprese.
      Ma i pifferai magici, possono incantare qualcuno per sempre, ma non tutti e sempre.
      Con tutta la mia disistima.
      Giulio

      quoto ogni singola parola

    1. Ciao@Elena:
      Io sto bene e tu?…forse sbaglierò ma i tui interventi mi sembrano un pò laconici, sei sicura di stare bene?.
      Ti chiedo questo, perchè di solito sei pimpante e spiritosa,…ma certamente mi sbaglio, hai visto, il riquadro del postato di @Gigi Gx: , appare la sua foto, chissà come avra fatto ad inserirla, voglio proprio chiederglielo.
      Ritornando alla Maionchi, la reputo in cattiva fede, quando fa queste affermazioni, cerca di manipolare i discorsi e le persone.
      Cara (si fa per dire) signora invece di consigliare ai ragazzi di partecipare ai talent, gli consigli di frequentare scuole specifiche di canto, non credo che i pochi mesi di frequenza in Amici, riescano a trasformare un dilettante in un artista finito.
      Smettelela di illudere i ragazzi, dite tutta la verità e nient’altro che la verità.
      Le consiglierei (come se fossi un prete) di fare atto di contrizione, e reciti qualche mea culpa, che non fa mai male.
      Come al solito, ti saluto cara Elena, augurandoti una buona mattinata.
      Giulio

    2. @Gigi Gx:
      Ciao
      Scusami, ma vorrei chiederti come hai fatto ad inserire la tua foto nel riquadro con il punto interrogativo.
      Mi piacerebbe inserire la mia, in modo da rompere l’anonimato, puoi accontentarmi?
      In amicizia Giulio

    3. @giulio:
      Sarà il caldo che mi fa stare male…
      In questo periodo non sto molto bene… 🙁
      Sì, ho visto l’immagine di Gigi Gx, non capisco neanch’io come abbia fatto…ci penserò su…vediamo se scopro qualcosa…(qui ci vorrebbe una faccina con la lente di ingrandimento in mano… :D)
      Tuttavia io ti consiglierei di non inserire una tua foto, non credo sia molto sicuro…
      Sarà che non mi fido di internet! :mrgreen: Eh, io litigo spesso con la tecnologia, odio Facebook in una maniera incredibile! 😀 😀 😀
      Ti auguro una buona giornata, Elena. 🙂

    4. Ciao@Elena:
      Spero che la tua situazione salute/caldo, si sia assestata su valori stabili,…resisti tra poco arriva Beatrice e con essa, si regoleranno le temperature. (si spera)
      Non so darti torto, per quanto riguarda la foto da esporre nel riquadro, pensavo fosse carino, ma a pensarci bene, forse sarà meglio mantenere l’anonimato visivo, visto le critiche a volte feroci, che circolano nei blog.
      Come te, non sono iscritto a facebook, non lo odio, ne lo apprezzo particolarmente, diciamo che mi è indifferente.
      Utilizzo Internet, piuttosto spesso, ricerche , informazioni di uso quotidiano, entrare in Mondoreality, etc. etc., però non ne abuso, basta non perdersi nei meandri delle mille proposte, a cui si viene sottoposti, al momento dell’apertira della magica finestra.
      Ho parlato di tutto, ma non della Maionchi, pazienza, tanto si è capito come la penso sulla signora, ci mancherebbe solo un articolo che parlasse di Zerbi, per completare il quadro dei personaggi che stimo meno.
      Ti rimando i miei saluti e anche la buona serata.
      Giulio

    5. @giulio:
      Ciao, Giulio. 😀
      Ora sto un po’ meglio! E con un nuovo paio di occhiali!!!!!! :mrgreen:
      Sembro una deficiente! 😀 😀 😀
      Per fortuna che ci vedo anche senza(mi manca mezzo decimo circa), così quando devo uscire per un occasione speciale non li metto. Ho provato con le lenti a contatto, ma non mi piacciono molto 🙁
      E tu Giulio? Porti gli occhiali? (scusa per la mia curiosità :D)
      Anch’io utilizzo internet per fare ricerche, a volte scarico e-book. Mi informo quotidianamente su tante cose, internet è davvero incredibile, hai la cultura a portata di mano e a volte nemmeno te ne accorgi!!! 😀 😀 😀
      P.S.: i compiti delle vacanze!!!!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
      Devo finire di leggere ancora il Visconte Dimezzato! 👿 E devo leggere altri libri! 80
      Povera me… 😥
      No, devo farcela! Oggi farò tutti i compiti!
      Yawn! Però…a pensarci bene…fa caldo…uhm…
      Li farò domani! 😀
      Ciao Giulio!!!!! 😀 Buona serata, Elena. 😉

    6. Ciao@Elena:
      Sono felice che adesso stai un pò meglio, non capiscoil perchè abbini gli occhiali all’essere una deficiente, forse è perchè gli occhiali non ti donano?.
      Io non li porto, solo quelli da sole, ne ho un intera collezione e comunque non è detto che un bel paio di occhiali, non possano rendere più interessante e misteriosa una persona 😀
      Lenti a contatto?, alla fine stancano e non tutti possono utilizzarli, pare che irritano.
      Insomma cara la mia Elena, tieni i tuoi occhiali, visto che ti servono per studiare e fregatene dei giudizi della gente.
      Devi studiare e fare i compiti?…cosa sono i compiti?, cos’è studiare?…J’ai oublié, in estate dimentico molto facilmente, ci penseranno i prof. a rinfrescarmi la memoria,…purtoppo!.
      Ecco, ora mi sono ammosciato, lasciamo i pensieri scolastici, ad un altro giorno, vuoi?.
      Al momento, il pensiero più pressante è quello di riuscire a dormire, sto grondando sudore.
      Ti auguro una buona notte.
      Giulio

    7. @giulio:
      Purtroppo detesto gli occhiali non per i giudizi della gente, ma perché io ho nella mia mente un unico modello di occhiali, ma non lo trovo mai. Pertanto, alla fine, dopo un estenuante viaggio, prendo un paio di occhiali che non mi piace molto e che sarò costretta a mettere per sempre… 🙁
      Mi piacevano di più gli occhiali dell’altra volta…
      Ma va bene, in fondo ciò che conta è vederci bene, poi tutte le altre cose passano in secondo piano! 😀
      Riguardo la scuola, lasciamo questo argomento in un altro giorno…anche se voglio farti una sola domanda…
      Da te la scuola inizia il 13 settembre, giusto?
      Da me il 14! 😛
      Ti auguro una fantastica giornata, Elena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>