Ballando con le stelle 8, Milly Carlucci: “Le stelle di prima grandezza vanno pagate”

di Redazione 2

Tutto è nato dal compenso a cinque zeri di Christian Vieri che ha fatto storcere il naso soprattutto alla Codacons. Nella polemica riguardante gli ingaggi per Ballando con le stelle 8, è intervenuta in prima persona la stessa Milly Carlucci con un’intervista rilasciata a Vero.

La Carlucci afferma che una stella di prima grandezza che si prende un impegno di quattro mesi è giusto che venga pagata, anche profumatamente, ma la conduttrice ammette che non può non far conto della crisi:

Ovunque è capitato di gettare l’amo, ma poi mi capita di non poterlo raccogliere non per la mancata disponibilità dei professionisti, ma proprio per una questione di budget. E fino a quando non avremo chiuso la linea dei soldi, non posso dire con certezza chi ci sarà. Una cosa è certa: a Ballando devono esserci necessariamente anche delle stelle di prima grandezza che, visto che dedicano quattro mesi della loro vita ad allenamenti intensi per dar vita ad una gara di ballo avvincente, non puoi non pagare. Ma, nonostante Ballando sia per la Rai un collettore di incassi, la crisi ci porta a dover fare i conti con un determinato budget.

A causa di ciò, Milly ha addirittura timore che il bugdet limitato possa ripercuotersi sulla riconferma dei ballerini professionisti, componente ormai storica del programma, giunto all’ottava edizione:

Vista la crisi, non è detto che tutti i nostri maestri storici possano essere impiegati. Naturalmente, faremo il possibile per lasciare intatta la nostra famiglia.

La nuova edizione di Ballando con le stelle andrà in onda il prossimo 7 gennaio in prima serata su Rai 1.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (2)

  1. maledetta pur di mantenere in vita il suo schifosissimo show vuole rubare i soldi agli italiani ma il flop sarà clamorossisimo, l’addio per sempre alla rai! resterà disoccupata !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>