Belen Rodriguez, intervista a Verissimo prima del matrimonio: “Vorrei avere una bambina”

di Redazione Commenta

Belen Rodriguez e Stefano De Martino oggi diventeranno marito e moglie. I paparazzi sono già in agguato e domani andrà in onda un’intervista esclusiva che la showgirl ha rilasciato a Verissimo.

Parlando con Silvia Toffanin delle sue nozze, Belen Rodriguez ha commentato la tanto chiacchierata vicenda dei due sacerdoti che avrebbero rinunciato a celebrare il matrimonio a causa del troppo gossip:

Questa è una faccenda delicata e vorrei fare chiarezza. Io non so nemmeno chi sia questo Don Spritz e sicuramente non l’ho mai contattato. Invece, don Roberto, il prete che doveva inizialmente sposarci, non si è ritirato per troppa pressione mediatica, ma perché ha avuto un problema personale di cui non posso parlare. Comunque battezzerà il piccolo Santiago.

E visto che è l’evento più atteso del momento, Belen Rodriguez ha ben pensato di tutelarsi e di piazzare delle guardie del corpo per proteggersi dai paparazzi, con i quali ha avuto un brutto scontro qualche giorno fa:

Ci saranno 70 bodyguard, perché a volte i paparazzi sono troppo curiosi e non vorrei si nascondessero dietro le piante.

Al matrimonio non ci sarà Fabrizio Corona, storico ex fidanzato di Belen, che oggi diventerà la moglie di Stefano De Martino. La showgirl argentina ammette di aver pensato di scrivergli, ma spiega anche perché non l’ha fatto:

Ho pensato molto spesso di scrivergli una lettera e vorrei tanto farlo ma ho paura che lui la renda subito pubblica. Per questo motivo non lo faccio. Io conosco bene Fabrizio.

Nell’intervista Belen ne ha approfittato per specificare che non è di nuovo incinta, come si diceva in queste ultime settimane, ma sogna di diventare di nuovo mamma e spera che la prossima volta sia una bambina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>