Belen Rodriguez a Le invasioni barbariche: “Voglio star bene sul lavoro come nella vita privata”

di Redazione Commenta

Venerdì 7 febbraio Belen Rodriguez è stata ospite del programma di Daria Bignardi, Le invasioni barbariche. Qui la conduttrice le ha chiesto subito dell’abbandono di Italia’s Got Talent dal palinsesto Mediaset e la showgirl non ha nascosto il suo dispiacere.

La padrona di casa le chiede se potrebbe pensare di passare a Sky, dove è stato ‘dirottato’ il reality:

Per adesso non lo so, io voglio stare bene sul lavoro come nella vita di tutti i giorni. Nella rete dove sono adesso mi trovo bene, vedremo.

Poi Daria la provoca e le chiede se si vedrebbe mai al fianco del marito Stefano Di Martino a condurre un programma:

Mai dire mai, noi dobbiamo vederci per forza perché a casa la vita famigliare va avanti anche lontano dalla tv. 

Non si può non parlare del loro lato social e paparazzato che fa parte della vita di coppia, ma Belen tende a sminuire:

Non lo considero un talento, noi facciamo delle foto. Poi ammetto di essere sempre stata un’esibizionista, altrimenti non farei questo lavoro e non starei di fronte alle telecamere. La passione per Instagram è partita ad agosto dell’anno scorso e da allora mi si è aperto un mondo.

Belen parla anche del figlio Santiago:

Una volta ha detto ‘mamma’ e ho postato subito il video, nonostante le critiche che sono arrivate. Io gli parlo in italiano perché ormai sono dieci anni che sono qui e mi viene in automatico.

Questi sono i progetti per i prossimi viaggi:

Quando io e Stefano siamo stati in Patagonia mi sono resa conto che ogni tanto fa bene tornare alla normalità, dove nessuno ti conosce. Infatti mi sono ripromessa di viaggiare per questo motivo, e tornare dove nessuno sa chi sei e spesso devi ricordargli come ti chiami.

Infine la conduttrice si fa insegnare come fare foto giuste da postare sui social network, in base alla luce e alla posizione della fotocamera. Inevitabile anche qualche battuta su Barbara D’Urso, che ha commentato la poca fotogenicità della Bignardi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>