Carlo Capponi: è morto il simpatico bidello de L’isola dei famosi 6

di Redazione 4

Foto: AP/LaPresse

E’ morto a Zocca, all’età di 58 anni Carlo Capponi, il custode che lavorava e viveva all’interno dell’Università di Bologna (di cui era custode da 20 anni), che nel 2008 è diventato famoso per aver partecipato alla sesta edizione de L’isola dei famosi.

Su la Gazzetta di Modena si legge:

L’ultimo atto della sua vita si è compiuto a casa della sua compagna, Lia. Da qualche anno abitavano assieme, felicemente, in un’abitazione di via 2 Agosto 1980. La bella giornata di ieri aveva spinto Capponi a compiere qualche lavoretto in giardino. Nessun problema fino al primo pomeriggio quando l’uomo ha avuto i primi segni del malore che poi l’ha condotto alla morte. Inutile la corsa dell’ambulanza: gli infermieri non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Sul posto anche i carabinieri. Anche se Capponi non era originario di Zocca, era stato’adottato’ dal paese dove era conosciutissimo.

Capponi, conosciuto con il soprannome di Charlie Banana per l’enorme quantità di banane che mangiava quotidianamente (fino a 3Kg), quando Striscia la notizia gli consegnò il Tapiro d’Oro disse:

Le persone famose sono quelle che vediamo sulle riviste patinate. Essere in televisione non significa essere famosi.

Qualcuno aveva capito la grande verità dei reality …

Commenti (4)

  1. Ma quanto mi dispiace.. 🙁

  2. Carletto, malgrado le velleita atistiche irrealizzate che certamente lo spingevano a sovrastrutturare la Sua immagine pubblica fino a rendersi, immagino non in piena volontà, a tratti davvero caricaturale , è stato dal mio punto di visto uno dei personaggi , paradossalmente, più genuino emerso nell’accozzaglia dai veri FINTONI piu o meno “famosi ” dal bordello dei “FINTALITY” in italia.
    Gianfranco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>