Gerry Scotti: “Non sogno nulla di più dalla vita di quello che ho raggiunto nella mia carriera”

di Redazione Commenta

Gerry Scotti festeggia sessant’anni, di cui trenta di carriera, e ribadisce di non avere alcuna intenzione di andare in pensione, almeno per ora.Il presentatore, intervistato dall’agenzia Ansa, fa un bilancio super positivo dei suoi primi sessant’anni:

Ho un figlio che adoro, una compagna meravigliosa, un lavoro che mi ha dato più di quello che immaginavo, tanti amici, nessun nemico, troppe cose per cui ringraziare la vita, mi sento in pace con me stesso.

Per Gerry non è ancora arrivato il momento di andare in pensione:

Vorrei sfatare questa leggenda secondo cui intendevo andare in pensione. Ci avevo scherzato su anche con Fabio Fazio quando sono stato suo ospite e mi sembrava di averla chiarita. Credo che fino a quando il pubblico ti apprezza uno ha il dovere di rispondere alle aspettative. Non sopporto quelli che si lamentano sempre. Questo non significa che voglio stare con le stampelle a 80 anni in tv, sarei innanzitutto patetico, poi spero allora davvero di stare sul lago a pescare. Ma ci tengo a dire che alla mia età mi stupisco con la stessa innocenza di un bambino dell’affetto del pubblico e ancora oggi, confesso, mi commuovo, il regalo più bello sarebbe riuscire a ringraziare ognuno singolarmente.
Non sogno nulla di più dalla vita di quello che ho raggiunto nella mia carriera, traguardi che mai avrei sognato, anche se me li sono guadagnati lavorando con passione ogni giorno. Mi alzo molto presto, sono meticoloso. La gente ti rispetta quando pretendi il massimo da te stesso e non pensi mai di essere al di sopra degli altri. Nei programmi dove lavoro sono impiegati macchinisti, operatori, che ho conosciuto quando muovevo in primi passi in tv: sono le persone che ascolto di più, nonostante questo sono un perfezionista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>