Gianluca Zito vorrebbe recitare nel ruolo di agente 007

di Redazione 2

Gianluca Zito esprime un giudizio (fonte Leggo.it) sulla decima edizione del Grande Fratello e parla anche dei suoi obiettivi lavorativi. Del reality di quest’anno, l’imprenditore napoletano non ha una buona opinione:

non mi piace molto perché manca un pò di equilibrio e ognuno fa quello che vuole e poi ci sono troppe liti che rischiano di sfociare nella volgarità. Quello che è successo nella prima settimana noi lo abbiamo fatto in tre mesi.

Gianluca è comunque grato al reality che gli ha dato molta popolarità, ed è contrario a quanti criticano chi vi partecipa:

in giro c’è molta falsità e penso che tutti vorrebbero partecipare a una trasmissione come il GF ma poi nessuno dice le cose come stanno veramente.

L’ex gieffino ha le idee molto chiare riguardo il suo futuro, dal momento che vuole diventare attore:

molti dicono che dopo il Gf non si può fare cinema, ma non è vero. Questa è un’etichetta che ci vogliono dare e non capisco come da un reality non possono uscire giovani con delle doti nascoste.

E’ questo il motivo principale che lo ha spinto in un’altra direzione:

sto studiando dizione e recitazione e presto mi vedrete al cinema. Da gennaio sempre meno ospitate in tv per concentrarmi sulla strada cinematografica, perché penso di avere il volto adatto, molto espressivo, un pò napoletano e un pò californiano. Mi vedo in ruoli da duro, tipo agente 007.

Riuscirà Gianluca nell’ardua impresa?

Commenti (2)

  1. CREDO FERMAMENTE CHE GIANLUCA ZITO RIUSCIRA’ NEL SUO INTENTO E’ UN GRANDE ALLA FACCIA DI TUTTI QUELLI CHE LO VOLEVANO A PULIRE I GABINETTI E’ SIICURAMENTE UNA PERSONA CHE CE LA PUO’ FARE PERCHE’ HA GENIALITA’ E GRINTA DA VENDERE E UN VOLTO MOLTO ESPRESSIVO FORZA FUTURO ATTORE DAJE’ TUTTA

Lascia un commento a carmen Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>