Gli One Direction su Vanity Fair: “Non ci aspettavamo questo successo”

di Redazione Commenta

Gli One Direction si confessano a Vanity Fair, la boy band inglese sarà ospite alla finalissima di X Factor 7 e intanto si coccolano le loro fan con un’intervista esclusiva al settimanale.

Gli One Direction, come molti ricorderanno sono stati proprio “prodotti” dall’X Factor inglese. Harry Styles, i capelli più belli dello showbiz, ricorda così quel periodo:

Sembra ieri che lavoravo dal panettiere. Sembra ieri che dovevo solo preoccuparmi dei voti a scuola. Sembra ieri che a X Factor, quando passavamo il turno, pensavamo: l’abbiamo sfangata anche questa settimana.

La band che in meno di tre anni è diventata un fenomeno mondiale ancora non si capacita del proprio successo e sogna un’esistenza più tranquilla, Louis Tomlinson non ha dubbi:

Voglio la “vera” verità? Starmene seduto nel giardino di casa con la mia fidanzata, appena svegli, e bere con lei una tazza di tè in tranquillità.

In aprile riparte il loro tour e la richiesta di biglietti è stata così alta che hanno dovuto aggiungere nuove date e anche per loro l’inizio è stato duro, ecco cos’ha detto Zayn Malik:

Siamo molto cambiati. L’inizio è stato difficile. Ci siamo trovati sbattuti dentro a una storia più grande di noi. Non eravamo pronti, non erano pronte le nostre mamme a vederci andar via di casa. Nessuno di noi sapeva che cosa stava facendo.

Di una cosa gli One Direction sono certi, il paragone con i Beatles è decisamente eccessivo, Harry Styles ne è certo:

Nessuno di noi osa nemmeno pensare di essere al loro livello, dal punto di vista musicale: saremmo stupidi.

La band inglese nega l’ipotesi scioglimento per Liam:

Abbiamo troppo da imparare. Stare sul palco è più facile che creare, ma stiamo migliorando, insieme.

 

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>