Grande Fratello 11, backstage

di Redazione Commenta

Luana Sperelli racconta su Libero il backstage del Grande Fratello 11, snocciolando numeri e descrivendo il lavoro che svolgono seicento persone per far funzionare il reality più seguito d’Italia.

I numeri: 21 registi coordinati da Alessio Pollacci si alternano 24 ore su 24; la casa è sorvegliata da 74 telecamere e 80 microfoni; gli autori sono 10 per la regia di Sergio Colabona; turni durano mediamente sette ore; i reportisti che seguono tutto il GF e lo trascrivono in modo sintetico sono 4; il team della sala di produzione è formata da 17 persone.

Stefano Pappacoda, addetto al montaggio, spiega quanto ci vuole per realizzare la striscia quotidiana di 20 minuti:

Tutta la notte per sintetizzare un’intera giornata in quattro ore di immagini scremate poi a venti minuti. Tocco finale la mattina dopo con la supervisione e il perfezionamento degli autori che aggiungono o tagliano scene della storia.

Marco Monacchia, segretario di produzione, racconta che loro si occupano di tutto e di più:

Dalla spesa al reperire medici o portare i concorrenti in ospedale, nei casi gravi. Dalle consegne alle riparazioni, ma coi ragazzi preventivamente chiusi in un altro ambiente, non interagiamo mai con loro.

L’autore Andrea Palazzo rivela:

Questa edizione, così lunga, è stata più complicata, come alto numero dei partecipanti e nuovi ingressi in corso d’opera. E se nelle prime edizioni i ragazzi vivevano in un microcosmo, ora hanno una finestra sul mondo, informati di fatti di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>