Grande Fratello 13, intervista a Samba: “Sono entrato nel cuore di tutti, deluso da Valentina”

di Redazione Commenta

Dopo Chicca e Giovanni, un’altra intervista a uno dei finalisti del Grande Fratello 13: oggi è la volta di Samba.

Ti aspettavi la vittoria di Mirco?

Sì, mi aspettavo la vittoria di Mirco perché anche secondo me lui meritava più di tutti.

È una vittoria meritata?

Certo.

Cosa avresti fatto se avessi vinto il montepremi?

Avrei aiutato la mia famiglia, avrei dato un contribuito alle associazioni per i disabili in Italia e avrei aiutato anche i bambini in Africa.

Nella casa sei stato criticato, in maniera particolare da Valentina, come rispondi a queste critiche?

Prima di tutto, parto dal fatto che Valentina è sempre stata un idolo per me, una figura interessante che rappresentava un ruolo importante per la società. Da quando ha fatto il complotto nel corso della prima secca, che io non ho perdonato, lei ha iniziato a mettermi in cattiva luce. Ho cominciato a scoprire una persona diversa che aveva tanto rancore nei miei confronti. Addirittura è riuscita a odiarmi, anche se si tratta solo di un gioco. Mi ha offeso tante volte, mi ha accusato di tante cose. Ma ho sempre avuto il coraggio e la calma di affrontare le cose con un grandissimo cuore… Intanto, sono stato in Casa dall’inizio alla fine del gioco e credo di aver fatto un percorso con una grandissima dignità e personalità.

C’è qualcosa di cui ti penti delle cose fatte in casa?

Non mi pento di niente perché anche ho fatto tutto col cuore.

Con chi andavi d’accordo e con chi no?

Andavo d’accordo quasi con tutti, tranne con Valentina e Mia.

La casa, secondo te, era divisa?

Nessuno lo accettava, ma comunque sì.. Il complotto di Valentina me l’ha fatto capire.

Cosa ti porti di quest’esperienza?

Questa esperienza mi ha fatto capire che, certe volte, se fai le cose davvero col cuore, qualcuno le può prendere per ‘buonismo’. Purtroppo essere troppo buono non lo considero più un pregio, ma un difetto. E comunque ho scoperto alcuni miei lati finora sconosciuti, tipo stare bene anche da solo, cosa che non credevo di riuscire a fare.

Cosa farai adesso?

Ora sono tornato al mio lavoro che amo tantissimo. Ho trovato un incremento incredibile di gente.

Ti piacerebbe restare nella TV?

Se avrò la possibilità, sì.

Pensi che la tua esperienza dentro la casa sia servita di aiuto per aumentare l’integrazione fra italiani e immigrati?

Penso di sì, perché ho trovato un cambiamento pazzesco sia nelle persone adulte sia nei bambini. I bambini mi riempiono non solo il bar, ma anche casa mia – hanno scoperto dove abito – e tutti giorni sembra una scuola. Se sono riuscito a entrare nel cuore di tutti bambini figuriamoci in quello delle persone grandi. Queste sono le cose belle che, piano piano, ci stanno facendo integrare molto di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>