Marco Carta, testo di Stelle

di Redazione Commenta

L’ex concorrente di Amici di Maria De Filippi Marco Carta ci propone un nuovo singolo tratto dall’album Come il mondo, che si intitola Stelle e del quale vi proponiamo il testo subito dopo il salto.

Giorni che passano
sguardi che… ma che rimane?
Come posso trovarti se tra milioni di paure
se non ti fai trovare mai?
Ti nascondi tra le scuse che non hai
in un caos di luce.
E torno a casa con la faccia sporca di costellazioni
e tutte quelle porte chiuse che sembravano colori
perché se dentro è buio il cielo adesso è uno spettacolo di stelle
di stelle.
Per ogni volta che tu sei scappata senza convinzione
per ogni volta che tu sei tornata e c’era una ragione
adesso guarda quanto cielo abbiamo a ricordarci delle stelle.
Cieli che cambiano
io e te, quello che, che rimane.
Noi che in alto non guardiamo mai alle stelle diamo un nome.
Sai che la tua luce non si spegne mai,
anche se non ti guardo?
E torni a casa con la faccia sporca di costellazioni
e tutte quelle porte chiuse in faccia senza più colori
perché se dentro è buio il cielo adesso è uno spettacolo di stelle
di stelle.
Per ogni volta che sono scappato senza convinzione
per ogni volta che sono restato e c’era una ragione
ma adesso fammi spazio che il tuo cielo è un miracolo di stelle.
Per ogni volta che tu sei tornata regalandomi le stelle.
Sopra la nostra testa e le atmosfere, aerei
la luce delle stelle era di tanto tempo fa
attraversa il tempo, l’oscurità
ma adesso sei tornata ed io
io mi sento immerso nelle stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>