Morena Zapparoli, concorrente La Fattoria 4

di Redazione 17

Morena Zapparoli sarà una concorrente de La Fattoria 4.

Nata a Milano nel 1967, Morena è una conduttrice televisiva e moglie del defunto Gianfranco Funari.

Le sue apparizioni televisive sono legate alla figura del marito. Nel 2000 conduce con Funari A tu per tu, su Canale 5. Inoltre la conduttrice si occupa di politica nella trasmissioni in onda su Odeon tv Stasera c’è Funari e Funari Forever.

I coniugi coconducono le seguenti trasmissioni di politica: Virus, La storia siamo Io e Funari Late Show.

Morena riparte da un reality, forse per staccare mediaticamente il cordone ombelicale dalla figura del marito, che inevitabilmente, più forte ed incalzante, la sovrastava!

LA SCHEDA UFFICIALE

Nome: Morena

Cognome: Zapparoli

Luogo e data di nascita: Milano 20/05/67

Età: 42

Professione: giornalista

Stato civile: vedova dal luglio 2008

Figli: nessuno

Trascorre la sua infanzia a Limbiate, si diploma al liceo classico.
Studia all’Università Statale di Milano dove si laurea con una tesi sulla letteratura greca, indirizzo filologico: “Ho lavorato molto sull’Orestea di Eschilo, sul ruolo chiave della parola nel teatro, sui cori che si integrano con l’azione”.
Morena inizia a dare qualche lezione privata di greco, si sposa con un coetaneo, ma il matrimonio va presto in crisi.

All’ inizio degli anni ’70 il primo incontro con Gianfranco Funari.
“Morena è figlia di un amico – dice Gianfranco – l’ho conosciuta quando era ‘na bambina de cinque anni, le feci un buffetto e glie’ dissi: “Quanto sei bella, vado a fare un giro, poi torno e quando torno te sposo. Sono andato a fare un giro di trent’ anni, sono tornato e per combinazione ci siamo ritrovati”.
E’ andata proprio così!
Esattamente Morena incontra Gianfranco dopo quasi trent’anni, presso il solarium di proprietà del suo ex marito.
32 anni lei, 67 Gianfranco.
Morena lavorava alla reception del centro estetico durante la mattinata, mentre il pomeriggio seguiva i corsi all’ università.
La cosa curiosa è che Gianfranco la riconosce, passati appena dieci minuti, come la figlia cresciuta del suo amico Giuliano.

Inizia a corteggiarla, portandole margherite gialle.
Il matrimonio di Morena era ancora in piedi anche se impallidiva.
Le provocazioni di Gianfranco vanno a buon fine e dopo circa sei mesi di frequentazioni clandestine i due si dichiarano.
Gianfranco la vuole tutta per sè : ” Mi sono stancato di fare l’amante, se mi ami veramente come dici, molla tutto e scappa con me”!
Poco dopo Morena chiede la separazione dal marito.

Nel 2000 Funari viene chiamato da Canale5 come ospite di “A tu per tu”, condotto da Maria Teresa Ruta ed Antonella Clerici: “A quei tempi ero sola la fidanzata di Funari ? racconta Morena ? ero seduta fra il pubblico, ma Gianfranco era divertito dal fatto che io avessi delle cognizioni di letteratura greca e mi volle coinvolgere a tutti i costi per proporgli delle citazioni greche.
Quando Raimondo Lagostena contattò Funari per una trasmissione su Odeon, che poi sarà “Stasera c’è Funari”, ho iniziato a collaborare con lui.
Il mio lavoro iniziava la mattina, con un’attenta lettura dei quotidiani, prendevo spunto dai fatti di politica, cronaca e attualità, scrivevo delle domande che poi rivolgevo ai politici che intervenivano in trasmissione”

“Stasera c’è Funari”, “Funari forever” e “Exta Omnes” sono le trasmissioni alla quali Morena ha collaborato.
Nel 2004 Morena si è sposata con Funari in Liguria ed è così diventata Morena Funari.
Una cronologia professionale non equivale a trasmettere quello che Gianfranco ha lasciato a Morena.
Lei gli deve molto, ogni cosa la riconduce a lui, alla sicurezza, all’amore che lui le ha saputo trasmettere.
Ad ogni domanda c’è sempre e solo un’ unica risposta.
E il cuore di Morena si riempie.
Gianfranco è stato un grande compagno e maestro di vita.

L’esperienza in fattoria per Morena sarà una pausa di leggerezza, aspetta di svegliarsi al ritmo della natura e le piacerebbe dar da mangiare agli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>