Nina Moric e Mario Luigi Favoloso: “Fabrizio Corona? Il nostro scopo era fare chiarezza”

di Sara Bianchessi Commenta

Luigi Mario Favoloso e Nina Moric si difendono dalle accuse di aver speculato sul nuovo arresti di Fabrizio Corona

Nina Moric e Luigi Mario Favoloso sono stati criticati per le loro recenti apparizioni televisive dove hanno parlato del nuovo arresto di Fabrizio Corona. L’imprenditore napoletano si difende dalle accuse. Favoloso, intervistato dal settimanale Vero, spiega:

Capisco che per alcuni possa essere discutibile, ma abbiamo avuto le nostre buone ragioni. Stavano uscendo delle cavolate sui giornali e in tv e sentivo il bisogno di replicare a nome di Nina, che in quel momento aveva deciso di restare in silenzio per proteggere Carlos. Ed è per lo stesso motivo che siamo tornati insieme davanti alle telecamere. Il nostro scopo era fare chiarezza.

Il lavoro degli inquirenti è partito da una segnalazione di Nina. E’ successo quando sotto casa di Fabrizio, ad agosto, è esplosa una bomba carta. La preoccupazione di Nina era rivolta al figlio. Per questo ha voluto parlare con le forze dell’ordine e coi servizi sociali per chiedere maggiore protezione e attenzione. Da lì ci sono stati dei provvedimenti da cui sono saltati fuori altri elementi. Per esempio, poco dopo, c’è stata la famosa telefonata in cui Francesca Persi parlava con Fabrizio di un furto avvenuto nella sua abitazione che, però, stranamente non era stato denunciato a causa dei soldi in nero nel famoso controsoffitto.

Luigi difende la sua fidanzata:

Nina è una donna molto sensibile ma è anche determinata verso i suoi obiettivi. Per questo, si è mostrata tranquilla. Nonostante le critiche sui social, credo che abbia fatto una bella figura. Carlos, all’inizio, c’è rimasto male ma ora ha recuperato la serenità con l’aiuto della mamma. Abbiamo un buon rapporto. Matrimonio? Mi piace l’idea ma non si concretizzerà nell’imminente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>