Umberto Tozzi sui talent show: “I ragazzi hanno solo quelli come momento di aggregazione e visibilità”

di Sebastiano Cascone 1

A Tv Sorrisi & Canzoni, un rassegnatissimo Umberto Tozzi ha espresso la propria opinione sui talent show musicali in stile Amici o X Factor:

I ragazzi purtroppo oggi sono sfortunati, perché hanno solo quelli come momento di aggregazione e di visibilità. Noi facevamo musica nei club e nelle cantine. Oggi un giovane che esce e non imbrocca il primo singolo rischia seriamente di non arrivare al secondo.

Questi tipi di programmi rappresenterebbero, quindi, il male minore per un giovane artista nel tentativo di sfondare a livello discografico:

La cosa veramente negativa è che in quei contesti sono solo interpreti, di fatto. È una triste verità. Prima o poi se vuoi emergere o restare, dovrai scriverla, una canzone. Prendiamo Noemi, la rossa: è forte, ha un bel timbro. Ma noi abbiamo bisogno di autori. Gli autori sono stati la fonte delle più grandi libidini emozionali della nostra vita.

Dalle colonne de Il Tempo, invece, i Club Dogo bocciano senza appello questo genere di trasmissione:

I talent show muovono il 50 per cento del mercato musicale ma fanno schifo. La cosa più fastidiosa è che molti giovani artisti italiani credono che l’unico talento da avere è la fortuna di essere scelti nel programma. Non è questo il futuro della musica che ci piace.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

  1. Perché tutti dicono queste banalità? Sono cose ovvie, ormai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>