Uomini e Donne, Gianni Sperti: “Il trono gay? Claudio Sona ha affrontato tematiche importanti”

di Sara Bianchessi Commenta

Gianni Sperti parla della prima edizione del trono gay, del protagonista Claudio Sona e di Maria De Filippi che ha reso possibile tutto ciò.

Gianni Sperti parla della prima edizione del trono gay di Uomini e Donne, del protagonista Claudio Sona e di Maria De Filippi, che ha reso possibile tutto ciò. L’opinionista, intervistato dal portale Gay.it, racconta cosa lo ha colpito del trono gay:

La profondità degli argomenti che vengono trattati e la voglia di conoscersi a fondo. Il merito sicuramente è principalmente dei protagonisti, ma soprattutto di Claudio Sona.

Gianni non ne fa un discorso di orientamento sessuale:

Non voglio generalizzare e non ne faccio una questione di orientamento sessuale, ma spesso, in alcuni percorsi eterosessuali, i protagonisti si sono persi in discorsi banali e superficiali, mentre il percorso di Claudio ha affrontato tematiche più profonde quali il bullismo, le difficoltà incontrate per farsi accettare, il rapporto con la famiglia e il coming out; si percepiscono, sin da subito, sentimenti puri e la voglia di costruire un futuro. Ricordo l’esterna fatta al Museo di arte contemporanea a Roma e penso che forse non ho mai visto, in tutti questi anni, un’esterna ambientata in un contesto come quello. Non è discriminatorio, sia ben chiaro, ma è solo una constatazione. Abbiamo avuto tantissimi troni degni di nota, ma forse mai o raramente si sono affrontate tutte queste tematiche sociali in un unico trono.

Sperti loda il coraggio di Maria De Filippi:

Maria De Filippi ha avuto il coraggio, la sensibilità e l’intelligenza di portare nelle case degli italiani una realtà che una parte della società ha sempre discriminato. Maria ha trattato il tutto senza fare differenze e portando, al centro della trasmissione, i sentimenti. In questo momento storico, in cui abbiamo raggiunto finalmente la legge sulle Unioni Civili, anche la Senatrice PD Monica Cirinnà ha dedicato un post a Maria e al suo coraggio.

Voi cosa ne pensate?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>