Uomini e donne, puntata 30 gennaio 2012: cresce il risentimento tra Antonio e Mimma, mentre Franca è delusa da Filippo

di Redazione 2

Spread the love

Inizia una nuova puntata del trono Over di Uomini e donne con l’ingresso in studio di Rosa e Rosetta, seguite da Angela favolosa cubista. Si inizia subito a parlare di Franca, che dopo l’ultima puntata era rimasta molto delusa da Filippo che l’aveva respinta dopo averle fatto credere di essere interessato a lei. In un RVM lei aveva spiegato di essere molto triste per questa cosa, ma di essere grata a Maria che le ha permesso comunque di vivere dei bei momenti con lui. Entra in studio Filippo che chiede scusa a Franca per averle fatto così male, e Tina lo critica perchè crede che sarebbe stato meglio se lui non avesse rivangato quella discussione. Lei si è sentita umiliata da lui, e non se la sente nemmeno di rimanergli amica.

Maria spiega a Franca che c’è un uomo interessato a lei: si chiama Gennaro, vive vicino ad Avellino ed ha tre figli. Lei vorrebbe ballare con luie conoscerlo meglio prima di prendere una decisione definitiva. Dopo un ballo, Maria fa presentare un nuovo corteggiatore: si chiama Antonio, ha quarant’anni, vive in Calabria e vorrebbe conoscere meglio Rossella. Si passa al “nostro” Antonio, che preferirebbe non parlare di quello che è successo la scorsa settimana con Mimma, che lui ritiene una persona poco seria. Luigi difende la signora, perchè pensa che lui sia stato un po’ troppo scortese con lei. Mimma sta frequentando Luigi e si sta trovando molto bene con lui, ma vorrebbe vederlo più spesso. Tina non crede molto in questa storia, perchè non riesce a vedere più di un’amicizia tra loro.

Dopo un ballo, Maria spiega che sia Giuliano che Bruno sono molto arrabbiati con Lina. Entrambi la trovano molto falsa, perchè dicono di essere stati ingannati da lei, che prima si è finta interessata, e poi si è tirata indietro. Lei dice di essere sempre stata attratta da Federico, e di non averlo nascosto mai a nessuno. 

 

Commenti (2)

  1. le puntate di uomini e donne delle persone anziane,mi sembrano una cavolata..sono anni che va avanti,e ci sono sempre gli stessi..mandate via tutti , e fate le puntate tradizionali quelle di un tempo…non parliamo di antonio,giuliano e edda..rovinano il programma….prima lo guardavo con affetto ma adesso e da buttare…ancora una cosa, io rispetto le persone anziane,ma non credete che la vecchietta rosetta con le sue belle parolacce manchi di rispetto a tutti noi telespettatori…spero che capite,che anche li quella gente e solo presente in puntata solo per far televisione,e mi meraviglio che la de filippi permetta una cavolata del genere in uno dei suoi programmi…per quando riguarda antonio e edda,mi sa che vogliono diventare loro i protagonisti del programma..scusate se sono stata ineducata,ma io le cose le vedo cosi..spero di ricevere una risposta grazie

  2. non sono daccordo con Antonietta…trovo che la formula “over” sia la migliore in assoluto…e non condivido l’idea che era meglio prima:undici anni fa io ho corteggiato Christian e l’ho trovato divertentissimo, con le scene dei films e tutto il resto, ma bisogna cambiare, trovo sia giusto così. Alcuni di loro sono senz’altro protagonisti e amanti del video, ma la maggioranza è realmente alla ricerca di “una storia” e Maria e Tina riescono a “sgamare”facilmente i “fasulli”.Io ho continuato la mia vita, due anni fa mi sono sposata, continuo a svolgere una bella e difficile professione(avvocato, impegnata nel sociale e nei casi di violenza in famiglia) e mi diletto con la musica e la grafologia (che adesso è diventata anch’essa una professione, anche se solo alternativa), ma , appena posso(e purtroppo o per fortuna mi accade di rado) vedo sempre con piacere la trasmissione e seguo le storie…Antonio non vuole “diventare”protagonista…lo è già….saluti a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>