Academy, foto dei concorrenti e novità dalla conferenza stampa

di Diego Odello 4

Ieri a Milano si è svolta la conferenza stampa di Academy. A parte le frasi di circostanza dette dal direttore di Raidue Antonio Marano (“La danza è certamente uno dei talenti più iimportanti, non è un’espressione fisica, è un espressione del cuore e della mente”), si è scoperto che l’accademia avrà una preside, la scrittrice Barbara Alberti (il suo ruolo sarà quello di interlocutore tra i ragazzi, i giudici e il conduttore).

Lucilla Agosti ha spiegato che la differenza tra questo talent show e gli altri in circolazione e che questo punta esclusivamente sulla forza della danza intesa come arte (quindi poca polemica e tanta fatica e impegno).

La commissione: Luciana Savignano ha accettato volentieri questa sfida; Raffaele Paganini è pronto ad essere duro con i ragazzi per insegnare loro qualcosa di importante come è l’arte della danza; Little Phil sogna di poter portare a giugno quattro ragazzi del talent show con lui in America e magari farli ballare in un concerto con Justin Timberlake, Mariaha Carey e Craig David.

Il procedimento della puntata di oggi pomeriggio: 4 coppie di classico, 4 di moderno e 4 hip hop si sfideranno tra loro, sei passeranno le altre 6 si sfideranno su una disciplina non loro. Alla fine di questa seconda tranche di esibizioni tre passeranno, le altre tre finiranno al televoto e solo una coppia si salverà. Quest’ultima sarà al centro di un colpo di scena annunciato in puntata (probabilmente una delle due coppie eliminate potrà sfidarla).

Il premio finale: il vincitore avrà una borsa di studio di 50.000 euro che gli permettera di andare in una delle migliori accademie del mondo, in America, a Mosca, a San Pietroburgo o in Italia (a La Scala) a seconda della disciplina per cui ha partecipato al programma. Forse qualche ballerino sarà assunto da Raidue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>