Academy, martedì 28 aprile 2009: Francesco in crisi, Raimondo malato

di Redazione Commenta

La puntata di oggi si apre con Lucilla Agosti che anticipa i problemi di coppia tra Pui-San e Francesco e annuncia che Raimondo si è ammalato e non può provare.

FRANCESCO – PUI SAN
Raffaele spiega che lui non ha bisogno di coccole, ma di essere spronato. Per questo motivo l’ha ripreso spesso (“Tu fai cose che non hanno un senso, che non esistono proprio”).
Francesco soffre, non per danza, ma per motivi suoi (“Sento la pressione, vorrei essere fuori a bermi una birra con le mie amiche, trovare un attimo di pace”)
Pui San si sfoga con Stefano e spiega che Francesco si perde. Stefano le consiglia di fidarsi di lui. La ballerina in confessionale rivela:”Francesco non lo sento, non ha la capacità di guidare. Ogni volta mi sembra di dover ricominciare da zero e io non voglio tornare indietro”
Raffaele spiega i passi a Francesco più volte, ma lui sembra non seguirlo e non capirlo (Paganini:”Dimmi no invece di si“), allora gli dice:”Scimiotta me, come io ho scimiottato Nureyev, perché nella vita vanno imitati i grandi non gli ultimi“.
Raffaele su Francesco:”Lui non ha talento, ha grande energia. Ha studiato poco, ma non è nato per danzare“.
Francesco:”Paganini vorrebbe una reazione. Stanno usando l’atteggiamento giusto con me

RAIMONDO MALATO
Il medico ha visitato il ragazzo e gli ha prescritto degli antibiotici (“Mi sento come se avessi la febbre. Mi spiace che la mia compagna debba provare senza di me, mi sento in colpa“).

Phil ha visto il ragazzo che sta male, ma in confessionale rivela che lui deve lavorare di più con Melissa. La ragazza è dispiaciuta, ma è sicura che il suo partner imparerà le coreografie in pochissimo tempo.

LEZIONE DI DANZA CLASSICA
Altagracia e Vito si compensano: quando uno dei due sbaglia, c’è l’altro che lo corregge e lo aiuta.
Raffaele:”Loro sono portati per la danza e con loro ho tempo di spiegare le emozioni della danza e la tecnica“.
Altagracia:”Il maestro vuole che noi tiriamo fuori la nostra personalità

GIUSEPPE E IL SUO INFORTUNIO
Giuseppe:”L’osso è lesionato e dovrebbe stare otto giorni a riposo”. Raffaele:”Aspettiamo la risonanza magnetica. Oggi tu stai buonino, guardi e lavori da fermo“.
Barbara:”Io non voglio forzare Giuseppe. Io ho bisogno di un compagno e se resta non riesce a fare tutto.

LA LEZIONE DI TANGO

Maria Chiara Micheli: spiega a Danilo e Leslie di rilassarsi, di non usare forza, di non aprire troppo le braccia. “I ragazzi sono rigidissimi. Ho dovuto spiegar loro di essere rilassati“. Leslie è pià alta di Danilo, che si sente in difficoltà.

Maria Chiara Micheli: “Morena e Stefano sembrano molto affiatati. Stefano mi sembra che voglia apparire subito preciso e si vergogna subito a sbagliare.
Morena:”Dobbiamo ancora trovare un’intesa. Lui ci prova spudoratamente con me!

LEzIONE DI MODERNO
Provano Danilo e Leslie: le professoresse cercano di convincere i ragazzi a lasciarsi andare, a sorridere. Luciana:”Danilo è molto bello, ma non riesce a trasmettere la sua natura attraverso il suo viso e il suo sorriso. Leslie è molto timida, ma è difficile sbloccarla.
Provano Federica e Vito. Luciana:”Federica e Vito sono bravissimi. Peccato che il ragazzo sia in sfida“.
Giordana e Federica. Luciana:”Giordano è un grande talento anche se non è all’altezza di Vito.”

ENTRA BARBARA ALBERTI
Barbara Alberti:”Giordano è un manga, non te lo dimentichi. Il ragazzo ha avuto grande coraggio a sfidare uno forte“. La Alberti parla anche con Giuseppe e lo definisce l’incubo di ogni artista perché rappresenta quello nessun ballerino vorrebbe passare.

LA SFIDA GIORDANO VITO
Vito:”Per noi questa non è una sfida, ma un esibizione. Non c’è competizione.

LEZIONE DI HIP HOP
Phil pensa che i ragazzi abbiano problemi con il ritmo e cerca di convincerli a rallentare, ad ascoltare la musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>