American Idol, Barack Obama saluta lo show

di Fabiana Commenta

Si è conclusa anche la nuova edizione di American Idol, il talent musicale in onda su Fox in onda da ben 14 anni nel corso dei quali è riuscito a sformare talenti del calibro di Jennifer Hudson.

In occasione dell’ultima puntata la trasmissione si è addirittura fregiata della presenza del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama che è voluto intervenire con un messaggio preregistrato. 

Congratulazioni a tutti coloro che lavorano ad American Idol per questo viaggio lungo 15 stagioni. Questo show ha trasformato la televisione. Ha ispirato giovani artisti, e raccolto pubblico in tutto il Paese. Ed ha insegnato all’America cosa vuole dire essere stonato.

Il Presidente ha anche colto l’occasione per poter ricordare agli americani quando sia importante andare a votare.

American Idol ha raggiunto anche un altro obiettivo. Per oltre un decennio, questo show ha motivato milioni di giovani americani a votare, spesso e con entusiasmo. Dovremmo fare lo stesso nelle nostre vite, come cittadini di questo Paese che amiamo. Il voto è il diritto più fondamentale e sacro della nostra democrazia. Credo che dovrebbe essere facile tanto quanto votare per American Idol. Ci stiamo lavorando. Ma quando decidiamo di non votare, rinunciamo a quel diritto. Rinunciamo alla nostra voce a vantaggio di qualcun altro. Non tutti noi sappiamo cantare come Kelly Clarkson, ma tutte le nostre voci contano. Questo show ha raggiunto vette storiche, non solo perchè gli americani lo hanno guardato, ma perchè hanno contribuito al suo successo. E lo stesso vale per l’America. Raggiungiamo il nostro potenziale quando ogni americano dà il suo contributo. Quindi andate su vote.gov e registratevi oggi per votare.”

Un messaggio arrivato a oltre 30 milioni di telespettatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>