Amici 10, lunedì 24 gennaio 2011: riassunto della puntata del serale di ieri con tutti i duetti dei cantanti

di Fabio Morasca 3

Il daytime di oggi è dedicato alla puntata del serale di ieri, costellata dai duetti dei ragazzi con i big reduci dai talent show degli anni passati. Il primo duetto che riviviamo è quello tra Annalisa e Alessandra Amoroso con quest’ultima che rivive il suo passato ad Amici, non senza qualche lacrima di commozione. Rivediamo il primo incontro tra le due cantanti e il successivo duetto in Immobile.

Dopo la canzone, Annalisa confessa di essersi emozionata molto durante l’esibizione e anche Alessandra parla di uno scambio di emozioni con la cantante 25enne, che reputa “fortissima”. Il secondo duetto della serata è stato quello tra Emma e Virginio. La cantante salentina ammette di rivedersi molto nel carattere di Virginio. Anche in questo caso, vediamo il loro primo incontro e il loro duetto in Calore.

Virginio giudica il suo duetto, “spaziale” mentre Emma sostiene che Virginio, durante la canzone, aveva il “calore” degli occhi. Il terzo duetto della serata è stato tra Diana e Marco Carta. Il cantante sardo è rimasto colpito dalla spensieratezza e dalla leggerezza di Diana. Il primo incontro tra i due cantanti viene seguito dal loro duetto in Dentro ad ogni brivido.

La cantante, che verrà eliminata alla fine del serale, afferma di essersi molto divertita durante l’esibizione. Dello stesso avviso, è Marco, che ammette di essersi fatto trasportare dall’ironia di Diana. Il quarto duetto in programma era tra Valerio Scanu e Antonella. Il cantante vincitore dell’ultimo Sanremo fa i complimenti alla cantante barese e poi la invita a duettare in Per tutte le volte che…

Dopo il duetto, Antonella è certa di aver trasmesso molte emozioni mentre Scanu ammette di essersi sentito in sintonia con la cantante. L’unico “non Amico” della serata è stato Marco Mengoni, vincitore della terza edizione di X Factor che, dopo aver fatto i complimenti a Francesca per le esibizioni, per il look e per la grinta, la invita a duettare con lui in In un giorno qualunque.

Terminata l’esibizione, Mara Maionchi fa i complimenti a Francesca per come si è comportata nonostante si trovasse davanti un fuoriclasse come Marco.

Mengoni, invece, afferma che Francesca e la sua pettinatura sono stati sinonimo di “libertà” e “Rock ‘n roll”. Francesca, invece, è sollevata perchè pensava di fare una figuraccia.

Commenti (3)

  1. dovevi Diana rimanere tu e buttar fuori quella testa di cazzo di francesca,

  2. DIANA, TU SEI UN MITO,FRANCESCA PETTINATA COSIì HA FATTO UNA FIGURACCIA ANCOR PIUì DI QUELLO CHE PENSAVA.
    SEI CATTIVA INVADENTE E STRONZA.
    HAI NOTATO CHE COME PREFERENZE ANCHE PLATINETTE TENEVA PIU’ A DIANA?.
    SE IL PUBBLICO VOTAVA LUI TU ERI FUORI.
    TU SEI LA LECCHINA DEI GIUDICI, CON IL TUO FARE DI FINGARDA LI COMPRI, IN REALTA’ NON VALI NULLA.
    VEDIAMO SE ADESSO ABBASSI LA CRESTA.
    SMETTILA DI FINGERE E DIRE: DOVEVO USCIRE IO E NON DIANA.
    BEN VENGA SE ERA COSI’.
    SEI UNA GRANDE ROMPICOGLIONI.

  3. QUEST’ANNO AMICI NON MI PIACE X NULLA AL MONDO.
    CI SONO TROPPI NODI DA SCIOGLIERE, GRANDI INGIUSTIZIE,E TANTE TANTE PREFERENZE .
    FRANCESCA E’ LA NUMERO 1 COME IGNORANZA, CREDE DI ESSERE UNA DIVA, IN VERITAì E’ UNA MERDA.
    PERCHE’ NON LA BUTTATE FUORI?
    I GIUDICI, MI SEMBRA CHE HANNO UN TORNACONTO.
    NON SI SONO RESI CONTO DELLO SBAGLIO CHE HANNO FATTO DOMENICA SERA?
    PERCHE’ HANNO ELIMINATO DIANA E NON LEI?
    CONCORDO CON PLATINETTE, HANNO FATTO UN GRANDISSIMO SBAGLIO.
    SAI COSA PENSO: MI HA DATO DA PENSARE CHE DURANTE LA TRASMISSIONE DORMIVANO, NON HANNO VISTO NULLA,
    FRANCESCA HA CANNATO IN TUTTE LE CANZONI,INOLTRE SI E’ COMPORTATA DI PESSIMO GUSTO NEI CONFRONTI DI VIRGILIO DOPO LE CONFIDENZE CHE LUI LE AVEVA FATTO.
    SAPETE COS’E’ FRANCESCA? UN CANE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>