Amici 13, anticipazioni e diretta Twitter sabato 25 gennaio

di Redazione Commenta

Spread the love

Manca poco al sabato pomeriggio con Maria De Filippi e Amici 13: il pomeridiano settimanale in onda su Canale 5 andrà in onda a partire dalle 14.10; dopo il salto, parliamo di quello che accadrà oggi in puntata e ovviamente la consueta diretta con i commenti su Twitter pubblicati con l’hashtag #Amici13, se inserite anche noi con @mrealityblog non ci dispiace affatto.

Nella puntata di oggi pomeriggio ad Amici 13 continuano le gare per la corsa al serale con le sfide e le eliminazioni degli allievi: Denny LaHome, accusato dagli Exxtra (eliminati in sfida proprio con il rapper) di essere stato raccomandato da Fedez, negli scorsi giorni ha cercato di spiegare che è stato colpito da come si chiacchieri in rete di questa situazione e quanto lo faccia star male l’aver messo in gioco tutto per poi esser vittima di pregiudizio, senza essere prima conosciuto e giudicato per quello che sa (o non sa) fare.

Intanto, rischiano di lasciare il programma i ballerini Francesca Del Toro, Angelo D’Aiello e Federica Rigoli, il gruppo musicale Dear Jack, i cantanti Nick Casciaro e Sara Mattei.

 

14.10 | Ci siamo, ha inizio la puntata settimanale in onda su Canale 5 di Amici: sono molte le novità coma la possibilità da parte del pubblico di andare sul sito di Maria De Filippi e poter essere Professore per un Giorno, ovvero votare l’alunno della scuola che piace di meno e quello che piace di più; la persona che piace meno verrà proposta per eliminazione alla commissione di riferimento (canto o ballo), piuttosto che sfida o sfida immediata e tutte le altre opzioni che hanno a disposizione solitamente i professiori della scuola di Amici.

Altra novità del giorno è la voglia di inserire un banco di ballo latinoamericano: entrano in studio due sfidanti, Vincenzo e Alessio, per l’ingresso nella scuola, che iniziano esibendosi su un paso doble.

Il giudice chiede anche una rumba. I commenti sul fatto che il richiamo sia fortemente legato a Ballando con Le Stelle si sprecano.

Maria spiega che è stata piuttosto restia a inserire finora un banco di latino americano, ma quello che ha visto ora con le esibizioni dei ragazzi le è piaciuto molto: tra i due ragazzi prende il banco Vincenzo.

14.37 | Tocca ai Dear Jack, Rudy dal daytime spiega perché affida per la terza volta la maglia nera al gruppo musicale: il professor Zerbi chiede ai ragazzi di eseguire Sognami di Biagio Antonacci, ma sbagliano -a detta del cantante Alessio- per emozione. Poi viene chiesto loro di cantare l’inedito Irresistibile.

Secondo Zerbi l’unico motivo per cui i Dear Jack siano ad Amici è solo grazie al cantante Alessio, quindi per il gruppo c’è un’ultima possibilità: Alessio deve provare a cantare Don’t Look Back In Anger degli Oasis solo con batteria e una chitarra. Infine Alessio canta solo con chitarra The Man Who Can Be Moved dei The Script. Rudy ha deciso: i Dear Jack rimangono.

15.00 | Torniamo da una pausa pubblicitaria e Maria da i risultati provvisori sulle preferenze del pubblico: quello che piace di meno al pubblico è Giacomo ma è già in sfida con la maglia nera. Intanto Francesca viene chiamata a sostenere una sfida immediata di danza con la sfidante Eleonora: dopo un passo a 3 e un assolo, il giudice decide che Francesca può restare nella scuola.

Maria chiama Nick e manda un filmato che vede di nuovo protagonista Rudy. Sembra un po’ una barzelletta, con polemiche sterili e che fanno più da riempitivo della trasmissione… Dove sono le esibizioni?

Rudy, dopo minuti di nulla cosmico fingendo che sia una scuola e sia lecito controllare il quadernino di Nick, chiede al giovane di cantare Amici Come Prima di Pino Daniele. Dopo aver spacciato delle critiche acidule come consigli costruttivi (Cosa bevi? Sei andato alla sagra del prosciutto a far l’animatore?); poi gli chiede di candare Candle In The Wind. Successivamente Zerbi fa trasmettere un rvm con Nick dentro alla scuola, dove il ragazzo si è travestito da vecchietta, da supereroe, con scenette divertenti e forse un po’ patetiche, certo, ma non c’è da recriminare un atteggiamento infantile. L’approccio allo studio piuttosto che al lavoro di un artista del mondo della musica forse non sarà sempre serioso, ma stiamo parlando di ragazzi in una scuola e non tutti devono diventare necessariamente delle star. Altri servono a dare colore e magari a fare da pungiball ai professori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>