Amici, lunedì 10 gennaio 2011: Maria Grazia Fontana, Rudy Zerbi e Alessandra Celentano sostengono la squadra blu, Vito stressato dalle lezioni con la Celentano

di Fabio Morasca 8

Il daytime di oggi inizia con Maria De Filippi che, durante lo speciale di sabato, spiega nuovamente l’inedito meccanismo per l’eliminazione dell’allievo della squadra perdente. Maria Grazia Fontana, Rudy Zerbi e Alessandra Celentano, successivamente, iniziano a tessere le lodi della loro squadra, ossia quella blu: Zerbi è molto contento di sostenere questa squadra e fa i complimenti alla Celentano perché ci sono ottimi elementi sia nel canto che nel ballo. Alessandra, invece, loda la squadra soprattutto per la qualità.

Rudy Zerbi afferma che Annalisa è il talento canoro più grande di Amici, dopo Alessandra Amoroso. Maria Grazia Fontana giudica le sue allieve, Diana e Francesca, due punte di diamante, soprattutto per la loro presenza scenica e versatilità. La Fontana spende due parole anche per Antonella e Antonio: secondo l’insegnante, la cantante potrebbe uscire e la paragona a una Ferrari senza volante e motore mentre, per quanto riguarda il cantante 18enne, Maria Grazia parla di un percorso di crescita che non c’è mai stato. La Celentano giudica, inoltre, la squadra bianca, poco professionale.

Quest’ultima osservazione provoca lo sdegno prevedibile di Vito e Riccardo, che ci tengono a sottolineare il loro massimo impegno e la loro indubbia professionalità. Vito prende come esempio Costantino, giudicandolo poco professionale e con poca esperienza in una compagnia ma Giulia prende le difese del suo avversario blu. Riccardo, invece, è disposto ad accettare ogni tipo di critica ma non vuole essere attaccato sulla professionalità. Vito afferma che, nonostante i salti mortali, la Celentano troverà sempre qualcosa da criticare e il ballerino sostiene anche che l’insegnante non lo corregge più come una volta, ribaltando così l’accusa della scarsa professionalità.

Successivamente, vediamo proprio Vito a lezione da Alessandra Celentano. Il debutto non è dei migliori: l’insegnante prega Vito di fare attenzione con le prese perché Anbeta ha terminato la lezione, letteralmente “distrutta”. L’insegnante afferma che, vedere Vito ballare, le provoca ansia e, inoltre, la Celentano si lamenta che il ballerino non assimili le correzioni.

Luciano Cannito, a lezione con Vito e Riccardo, prega i due ragazzi di non farsi “smontare” da una lezione di 45 minuti della Celentano. Vito afferma di essersi bloccato a causa del metodo di insegnamento della Celentano e si lamenta anche di Anbeta, la ballerina professionista che ha accusato Vito addirittura di non aver mai studiato. Cannito è decisamente contrariato da questo modo di fare, che non permette a un allievo di crescere. Luciano, inoltre, sostiene di non aver mai trattato un allievo della squadra blu (quella avversaria) in questo modo nonostante alcuni errori grossolani di Costantino.

L’insegnante, inoltre, accusa i suoi ragazzi di farsi sottomettere a livello psicologico, dalla Celentano e afferma che un grande insegnante deve mettere gli allievi a proprio agio. A Vito, invece, non va giù che Alessandra Celentano permetta certi comportamenti di Anbeta. Luciano Cannito termina il discorso accusando la Celentano di recitare, di fare una “fiction”.

La puntata termina con Maria Grazia Fontana, che con un particolare metodo di insegnamento, già visto durante lo speciale di sabato, fatto di spintoni e “vessazioni”, cerca di spiegare lo spirito grintoso della canzone Chain of fools di Aretha Franklin, a Diana.

Commenti (8)

  1. ma quante volte lo devono fare vedere il metodo della Fontana?!?
    comunque puntata molto noiosa,con un Vito super lagnoso e un Cannito super assurdo che spara cavolate a 3000…

  2. vito è sempre il migliore anke se la mia preferita è francesca

  3. ma lavorare con la Celentano è impossibile,e poi come si fa a ballare con una come Anbeta che è simpatica come la sabbia nelle mutande?se uno ti dice che non sei professionale,è logico che ti lamenti.Le piaceva tanto Costantino che non se l’è neppure preso.Ma fatemi il piacere.Ma poi vogliamo parlare della Celentano?ha fatto un provino per diventare velina negli anni ’90,e aveva smesso di ballare già a 27 anni.Chi lavorava con lei diceva che era a un livello sufficiente di danza,quindi…

  4. ma la celentano,ma chi si crede d’essere manco fosse un etoile che critica vito e riccardo,sono tre mesi che li stressa si saranno anche stancati sti ragazzi di sentir dire sempre le stesse cose,ci siamo stancati noi a casa pensa loro??la celentano è pesante è paranoica e stressa i ragazzi pscologicamente,ed è al quanto vergognoso,ma lasciali vivere questo momento,glielo starà facendo rimponè a quei ragazzi…celentano ma vai in teatro o stattene a casa…ci hai stancati

  5. la Celentano è proprio ridicola, non sa più a che appigliarsi per criticare Vito e Riccardo, lo sa che non ci sarebbe niente da criticare, sono due bravi ballerini, con buona base classica e buone doti (soprattutto Vito), ma lei cerca sempre di trovare qualcosa da criticare perchè deve portare acqua al suo mulino, ha perso ogni credibilità ormai

  6. Rudy Zerbi non deve permettersi di dare giudizi tecnici sul canto perchè non ne ha le competenze. E’ un discografico NON un insegnante. Luca Jurman, a differenza sua è un professionista competente,è un musicista,un cantante, un cantautore,un vocal coach…una persona che ha studiato tanto per arrivare ai livelli in cui è arrivato. Sono stufo che Zerbi si metta sempre in polemica con Luca perchè non ne ha le basi. Non sa un ca…!! Che Rudy ascolti un cd di Luca…magari il live al blue note…
    Alessandra Celentano è un insegnante che non a tutti può andare a genio, perchè ti corregge ogni minimo errore, non ti elogia mai…Da una parte fa bene perchè troppo buonismo non fa bene all’artista ma neanche stressarlo a tal punto di mandarlo in ospedale.

  7. ZERBI NON CAPISCE NIENTE DI CANTO: IN TRASMISSIONE L’UNICA COSA S FARE E’ SCALDARE LA SEDIA E ROMPERE I MARRONI A TUUTI, PERCHE’ LUI NON LI HA ALLORA ROMPE QUELLI DEGLI ALTRI.

  8. VERBI VERGOGNATI, SEMPRE DI ATTACCARE TUTTI, MA TU L’UMILTA’ DOVE LA TIENI?
    TI REPUTI INTELLIGENTE E COLTO MA IN REALTA’ SEI ACERBO COME UNA MELA MARCIA.
    TI CONVIENE RITIRARTI, FAI SOLO PENA.
    QUEST’ANNO MI VERGOGNO DEL COMPORTAMENTO CHE C’E’ NELLA SCUOLA, QUELLO DI ATTACCARSI SEMPRE PER NIENTE.
    COMPERTANDOVI NON SIETE DELLE PERSONE CIVILI,MA SOLO RICCHI D’IGNORANZA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>