The Apprentice Italia 2, riassunto 14 marzo: eliminati Fabio e Serena, in finale Alice e Muhannad

di Redazione Commenta

La semifinale di The Apprentice Italia 2 ha decretato gli ultimi eliminati: si tratta di Fabio e Serena, mentre alla finale vanno dritti dritti Alice e Muhannad e solo uno tra loro due verrà scelto nella finale della settimana prossima da Flavio Briatore per diventare l’apprendista che affiancherà il boss con un contratto a sei cifre.

Nel nono appuntamento di The Apprentice Italia 2, trasmesso su Sky Uno HD venerdì 14 marzo, è stata la volta di cinque colloqui con grandi del mondo del business come Alan Friedman, Fabrizio Gavelli, Daniela Gelmi, Nicola Belli e Gianluigi Cimmino.

Fabio non se la cava bene con Daniela Gelmi, a Gianluigi Cimmino non piace il modo di fare da ruffiano di Muhannad e la poca presa di Alice; nel frattempo, a Serena viene richiesto un test come trovare un modo intelligente per convincere un milanista a non odiare l’Inter, la stessa prova viene richiesta anche a Fabio e Alice, l’avvocato non trova un buon approccio.

Per Muhannad la prova consiste nel convincere Nicola Belli ad ascoltare la musica hip hop al posto di quella pop, idem per Fabio: il primo intavola un’argomentazione, il secondo non riesce ad essere convincente; ma i colloqui terminano e i professionisti si ritrovano con il Boss per riferire le loro considerazioni: ne emerge che Serena è fredda, poco empatica, Mahunnad ha la stoffa per crescere, Alice è una brava moglie, ma dovrebbe essere anche una brava amante; infine Fabio è ambizioso e potrebbe migliorare.

Il respondo del boss non tarda: a contendersi la finale sono quindi scelti i più giovani e promettenti Alice e Muhannad, mentre per Serena e Fabio è tempo di tornare alle loro vite. Arriva il canonico Sei Fuori anche per loro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>