Barbara D’Urso: “Non sono una persona felice”

di Redazione Commenta

La conduttrice si confida al Corriere della Sera: dal rapporto con i fan alle accuse di sovraesposizione mediatica, Carmelita rivela di non sapersi più innamorare.

Barbara D’Urso non è una persona felice.

La conduttrice di Pomeriggio Cinque e Domenica Live ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera e ha spiegato il suo atteggiamento nei confronti del mondo.

Non sono una persona felice: non si può essere felici in un mondo come questo, a meno che tu non decida di vivere in una bolla d’aria e di fregartene di tutto. Io non sono così, non ce la faccio. Posso provare gioia, ma non felicità. Gioia è anche sedere qui, in giardino, e vedere la mia bougainvillea crescere.

Ha dichiarato la conduttrice che ama mostrarsi sui social anche nella sua quotidianità (magari esagerando con il photoshop) e che spesso e volentieri rimedia non poche critiche.

Appena ho saputo del terremoto, volevo andare lì per tenere compagnia, spalare, aiutare, qualunque cosa. Gli amici me lo hanno sconsigliato: se ci vai, diranno che sei una sciacalla. Qualunque cosa faccio, viene girata al contrario. Ho una linea di condotta precisa: evito le polemiche, cerco di avere rispetto di tutti. Gli altri mi criticano? Io sto zitta. Se trascendono, andiamo in tribunale.

Ha spiegato a ridosso del terremoto che ha devastato il Centro Italia. E non manca di tornare sull’argomento che tanto interessa gli italiani: si ritiene una persona single che non baratterebbe la sua libertà con nulla al mondo.

Non sono innamorata, non riesco più a innamorarmi di un uomo. Mi mette il morbillo l’idea che ci sia qualcuno con le chiavi di casa mia. Si arriva ad un certo punto in cui gli spazi sono troppo importanti: non condividerò più la casa con nessuno. La libertà di alzarmi e spalancare la finestra, come voglio io, anche se fuori c’è il gelo, non la baratto con niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>