David di Donatello 2016, Alessandro Cattelan: “Onorato di essere stato scelto”

di Sara Bianchessi Commenta

Alessandro Cattelan, che ha condotto il debutto della cerimonia di premiazione dei David di Donatello su Sky con successo e il suo stile inconfondibile, parla dei film in concorso e di tanto altro. Il conduttore confida a Vanity Fair di essere onorato per essere stato scelto:

Gestisco bene lo stress della diretta, ma sono certamente onorato che abbiano pensato a me per una svolta del genere: i David di Donatello devono diventare un appuntamento fisso ed elegante, come queste cerimonie meritano di essere.

Alessandro parla dei film in gara:

Penso davvero sia stata un’ottima stagione. Di solito in Italia vanno le opere d’autore o le commedie romantiche. Quest’anno invece ci sono film molto diversi, come Lo chiamavano Jeeg Robot e Non essere cattivo, che fanno ben sperare per il futuro del nostro cinema. Penso anche a Fuocoammare, che dà un racconto totalmente diverso di quello che è successo negli ultimi anni a Lampedusa. O a Perfetti sconosciuti, che è partito da un’idea molto contemporanea e ne ha tirato fuori una commedia amara e ritmata come non se ne vedevano da tempo».

Cattelan confessa qual’è il suo preferito:

A me è piaciuto molto Non essere cattivo. L’ho trovato molto intenso, e ha anche il merito di aver lanciato nuovi talenti, come il bravissimo Luca Marinelli. Non a caso era stato scelto come film italiano da mandare agli Oscar, peccato che poi non sia stato selezionato dall’Academy.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>