Emanuele Filiberto, Italia amore mio: testo

di Redazione 14

Al Festival di Sanremo 2010 parteciperà, come già sapete, anche il vincitore di Ballando con le stelle 5, Emanuele Filiberto: il principe si esibirà insieme a Pupo e al tenore Luca Canonici, portando sul palco dell’Ariston Italia Amore Mio, un brano scritto da lui e Pupo. Il conduttore de I Raccomandati spiega (fonte Tv Sorrisi e Canzoni):

La nostra è una canzone d’amore per l’Italia. Il tenore Luca Canonici incarna il bel canto italiano. Emanuele ha scritto la poesia che ho adattato per il testo. Spero che riusciremo a trasmettere la genuinità e l’entusiasmo che hanno acceso la scintilla di questa operazione.

Dopo il salto potete leggere il testo del brano.

Io credo sempre nel futuro,
nella giustizia e nel lavoro,
nell’equilibrio che ci unisce,
intorno alla nostra famiglia.
Io credo nelle tradizioni, di un popolo
che non si arrende,
e soffro le preoccupazioni, di chi
possiede poco o niente.
Io credo nella mia cultura e nella mia religione,
per questo io non ho paura, di esprimere
la mia opinione.
Io sento battere più forte il cuore
di un’Italia sola,
che oggi più serenamente si specchia
in tutta la sua storia.
Si stasera sono qui, per dire al mondo
e a Dio, Italia amore mio
Io non mi stancherò, di dire al mondo
e a Dio, Italia amore mio.
Ricordo quando ero bambino,
viaggiavo con la fantasia,
chiudevo gli occhi e immaginavo,
di stringerla fra le mie braccia.
Tu non potevi ritornare pur non avendo
fatto niente
ma chi si può paragonare a chi ha sofferto
veramente.
Si stasera sono qui, per dire al mondo
e a Dio, Italia amore mio.
Io non mi stancherò, di dire al mondo
e a Dio, Italia amore mio.
Io credo ancora nel rispetto,
nell’onesta di un ideale.
Nel sogno chiuso in un cassetto,
e in un paese più normale
si stasera sono qui, per dire al mondo
e a Dio, Italia amore mio.

Commenti (14)

  1. Il testo non dice niente, manca solo la rima baciata per poterla buttare nel cestino. Tu la chiami canzine….. fa ca ga re.
    Nella canzone non dimostri che veramente il tuo amore è l’ italia, manca di sostanza e opera di convincimento. Tu hai eviato la rima di proposito, sarebbe stato peggio, Enzo Tortora avrebbe detto Orribile.

    Con gli episodi quando sei arrivato in Italia ti sei fatto notare negativamente, Te e tuo padre, la gente lo ricorda, e pensare che mi eri simpatico quando facevi la pubblicità dell’amaro mi sono chiesto le prime volte ma chi è quello lì?
    Poi dalle interviste ho capito che sarebbe diventato Rè d’Italia, mi son detto, menomale se quello lì diventasse Rè mi arruolo nella legione straniera.

    Poi ci voleva anche il risarcimento…Quale risarcimento la guerra si sarebbe potuta evitare bastava volerlo, Quante persone hanno dato la vita inutilmente, ora non esistono più le frontiere e solamente 60 anni fà ci scannavamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>