Emma: “Ho sconfitto il cancro con la prevenzione”

di Fabio Morasca 1

Emma Marrone, sulle pagine del Corriere della Sera, ha parlato di uno dei capitoli più brutti della sua vita, il cancro all’utero che l’ha colpita e che ha brillantemente sconfitto, due anni fa.

Dopo questa terribile esperienza che ha vissuto, la cantante salentina ha prestavo il suo volto, a titolo gratuito, per una campagna di prevenzione per la Fondazione Ant di Bologna.

Ecco le dichiarazioni di Emma riguardo alla sua esperienza:

Il ginecologo mi ha detto: tumore, operare con la massima urgenza. La neoplasia mi aveva preso utero e ovaie. Avevo fatto la Tac e la risonanza magnetica. Anche la ricerca dei marker nel sangue confermava la presenza di cellule tumorali. A quel punto non potevo più sfuggire.

Nonostante il momento di grande sofferenza, Emma, prima dell’operazione, si è resa protagonista di un bellissimo gesto. La cantante, infatti, chiese di firmare il consenso per la donazione degli organi in caso che l’operazione non fosse andata a buon fine:

Ero serena, il perché non lo so. Sarà che sono abbastanza credente, pregavo molto. Avevo paura però volevo comunque affrontare tutto.

L’intervento, durato sette ore, ha dato i risultati sperati:

Non smetterò mai di ringraziare la dottoressa Marialuisa Framarino e lo staff di Ginecologia. Mi hanno accolto subito bene e mi hanno salvato la vita. Lei ce l’ha messa tutta per salvarmi le ovaie e l’utero. E c’è riuscita. Fortunatamente non c’è stato nemmeno bisogno di fare radio o chemioterapia, come invece mi era stato anticipato. Dopo l’intervento ho fatto di nuovo gli esami ed era sparito tutto. Sono stata dimessa anche un giorno prima del previsto, perché volevo tornare a casa. È stato il solo momento in cui ho pianto: non pensavo di uscire con le mie gambe, sinceramente.

Emma ha, quindi, affermato che il modo migliore per sconfiggere il cancro all’utero è la prevenzione:

Cercalo prima che ti trovi. Fidati di me e pensa seriamente alla prevenzione. Se lo faccio adesso è perché ci credo e voglio aiutare, se posso.

Questa campagna di prevenzione partirà la prossima settimana e noi facciamo, ovviamente, i nostri più sentiti complimenti a Emma.

Commenti (1)

  1. Una storia molto toccante.
    E’ ammirevole che una donna così giovane
    si mette in gioco per divulgare l’importanza della prevenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>