Emma Marrone: “Bisogna conoscere le persone sbagliate per capire quali sono quelle giuste”

di Redazione Commenta

Spread the love

Emma Marrone ha compito da poco trent’anni e si sente più donna, ha imparato che non servono le borchi per essere rock e ha scoperto il suo lato più femminile.La cantante salentina, intervistata da Lara Montagna nel corso di Baobab Sottotiro, sulle frequenze di RSI, racconta di essersi finalmente accettata:

Crescendo in questo mestiere ho acquisito un po’ più di sicurezza in me stessa. Sto cambiando non solo come artista, ma sto crescendo anche come donna, forse perché sto iniziando anche ad accettare questo lato femminile che è in me. Ed è anche bello far vedere alle altre persone che ci sono tante altre sfaccettature della propria personalità. Ultimamente sul palco ho imparato a non avere paura di mostrare di essere donna, a modo mio.

Emma si diverte a giocare con il suo look:

La vita è fatta sempre di cambiamenti. Bisogna sempre reinventarsi, riscoprirsi, e devo dire che ultimamente mi piace giocare a fare la femmina, se posso dire così. Mi diverto molto e poi conosci nuovi stilisti, nuovi stili, e capisci che puoi essere rock anche in abito da sera. È un po’ voler rompere gli stereotipi, che la donna è rock, è aggressiva, solo se vestita di borchie. Ma una donna può essere aggressiva e forte e rock anche in tailleur. Non è l’abito che fa il monaco, è la personalità che rende un artista quello che è, che sia vestito di borchie o semplicemente di seta.

La Marrone non rinnega il passato:

Proprio perché dagli errori che ho fatto ho imparato ad essere quello che sono adesso e ho imparato a scegliere di avere accanto le persone giuste di cui ho bisogno per questo lavoro. Bisogna conoscere anche le persone sbagliate, per capire poi quali sono quelle giuste. Quindi in generale, nella mia vita personale e lavorativa, non cambierei mai niente.

Qualcuno di voi ha qualche idea su chi possano essere le persone sbagliate del passato della cantante? Citofonare, forse, De Martino?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>