Fariba Tehrani difende la figlia Giulia Salemi: “Chi la critica lo fa per i riflettori”

di Redazione Commenta

Fariba Tehrani, madre di Giulia Salemi,con cui aveva partecipato a Pechino Express 4, la difende dalle critiche ricevute per la mise con cui si è presentata sul red carpet della Mostra del Cinema di Venezia.

Fariba Tehrani, madre di Giulia Salemi, che insieme alla figlia aveva partecipato a Pechino Express 4, durante la prima puntata di Domenica Live, l’ha difesa dalle critiche ricevute per la mise con cui si è presentata sul red carpet della Mostra del Cinema di Venezia.La donna è arrivata in Italia dall’Iran per difendere la figlia:

Io sono la prima che l’ha criticato. I primi quattro giorni, ero in Iran. Io sono una del popolo, però quando fanno critiche senza provocare e con educazione ben venga… tutti hanno il diritto di dire, bello o brutto che sia, il loro pensiero…però a offendere, a provocare con le parole volgari e soprattutto a paragonarsi a Giulia, siccome tanti riflettori sono andati su di lei inaspettatamente, tante persone per attirare i riflettori su di sé, hanno cominciato a parlare male di Giulia!

In un servizio è intervenuta anche la Salemi:

Non mi aspettavo questa reazione. Veramente quel tappeto rosso sembra la scena di un omicidio: non è stato ucciso nessuno quindi anche lì, veramente, sdrammatizziamo! Non sono né la prima, né l’ultima che ha indossato un capo provocante su un red carpet o ad una manifestazione pubblica. Io ero lì per indossare quel vestito, per sostenere il mio migliore amico Matteo Manzini, il designer, gli avevo fatto questa promessa a giugno, non l’ho più visto tutta l’estate, non avevo fatto la prova, lo dimostrano le imperfezioni che mi sono state tanto criticate e nonostante tutto, proprio perché mi hanno criticato anche su Instagram (depilazione non fatta bene ecc.) io le cose le lascio, perché sono un essere umano come tutti gli altri, con pregi e con difetti e quindi non capisco perché gli altri puntano il dito contro di me. È stato un gesto provocatorio? Non era voluto!…Le critiche ci sono, lo accetto, l’importante è che siano costruttive, purtroppo alcune non lo sono state, ma accetto anche quelle, fa niente!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>