Gerardo Pulli presenta Sport: “E’ un brano che mi rappresenta. Ho passato un periodo molto difficile”

di Sara Bianchessi Commenta

Gerardo Pulli, dopo mesi di silenzio, è tornato. Il 12 aprile è uscito il suo nuovo singolo: Sport, che anticipa l’album che uscirà in autunno. Il vincitore di Amici 11 parla del suo nuovo lavoro e del periodo difficile affrontato qualche mese fa.

Il cantante, in un’intervista a Reality e Show, racconta come è nato il suo singolo:

E’ nato qualche mese fa, prima di Natale. E’ nato come tutte le altre mie canzoni, di getto. Sport mi rappresenta molto: sono una persona molto pigra, non ho molta voglia di fare sport in questo periodo.

Pulli spiega perchè ha scelto questo brano come singolo per anticipare il lancio del suo nuovo album:

Abbiamo scelto Sport perché ci sembrava il pezzo ideale per questo periodo: è un brano leggero ed anticipa alla perfezione l’album in uscita in autunno, richiamandone le sonorità.

Gerardo parla del suo nuovo album:

Sì, ho scoperto questo genere e mi sono divertito a sperimentare. Sarà un concept album. Vogliamo inserire dalle 15 alle 20 tracce, ma ancora c’è molto tempo e potremmo cambiare idea. I pezzi sono già pronti, ma se in questo periodo esce qualcosa di buono lo inseriremo.

Il vincitore di Amici 11 spiega cosa ha fatto negli ultimi mesi:

Mi sono dedicato totalmente al lavoro: alla scrittura, alla ricerca, alla sperimentazione. Sono stato sette mesi chiuso in camera e ho avuto più di un periodo difficile. Ho avuto una crisi di scrittura, non riuscivo più a scrivere. Poi mi sono ripreso. E’ stata la prima volta che mi capitava una cosa simile. C’era l’esigenza di scrivere dei brani per tempistiche lavorative, però non uscivano. Sono caduto nel buio più totale. Poi piano piano, senza farlo apposta, è tornata la creatività. Ho attraversato un periodo di grande confusione, adesso mi sto riequilibrando.

Al nuovo progetto collabora Mara Maionchi:

Ci sono tante persone dietro questo progetto, tra cui anche Mara. Il nostro è un rapporto molto professionale: io le mando i pezzi e lei mi dice se il pezzo fa cagare oppure no.

Il cantante parla del mondo della musica:

E’ un mondo nuovo ed i mondi nuovi non sono mai come ce li aspettiamo. Per adesso gioco in serie C e qui ci si danno molte botte e si prendono un sacco di mazzate.

Gerardo, a chi gli domanda se senza Amici sarebbe riuscito ad emergere, risponde:

Non lo so. Probabilmente sì, probabilmente no. Ho fatto Amici perché ho saputo leggere il periodo storico attuale, di crisi e fascino allo stesso tempo. Ero stufato di mandare demo alle case discografiche e non avere risposta. Quindi Amici è stata un’esperienza fondamentale: utile sia dal punto di vista artistico che umano. Mi ha dato la possibilità di creare un mio piccolo studio di registrazione dove scrivere e realizzare le demo. Senza Amici non sarei riuscito a comporre le 25 canzoni per il disco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>