Giusy Ferreri: “Ho in cantiere un album di inediti”

di Sara Bianchessi Commenta

Giusy Ferreri, reduce dal grandissimo successo di Roma- Bangkok, parla della sua esperienza ad X Factor e dei progetti per il futuro. La cantante, in un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni, ricorda il suo passato nel talent di Sky Uno:

Quel momento della mia vita è stato un generatore di grandi opportunità. Come saprai venivo da generi musicali che non sono totalmente affini al pop, ma lì ho deciso mettermi in gioco come secondo me dovrebbero fare tutti, con un senso di apertura verso gli stimoli esterni assoluto.

Giusy spiega cosa l’ha spinta a partecipare:

Perché faticavo a emergere. Amavo le provocazioni, avevo un senso della trasgressione spiccato. Risultato? Non ero arrivata da nessuna parte. Da X Factor in poi, tra alti e bassi, ho messo una sorta di freno a quei lati bilanciandomi, smussando gli angoli.

La Ferreri ha parole di elogio per alcuni dei suoi colleghi di X Factor?

Sicuramente Noemi, una grande artista, ma anche Mengoni. Mi piace tanto Francesca Michielin perché è molto giovane e di giovani donne ce ne sono pochissime nel panorama italiano. Lei si sta costruendo questo percorso musicale nel quale è molto sintonizzata nella sua dimensione… Mi piace tanto la voce di Chiara, anche Lorenzo Fragola… Di più recente mi piace Giosada, l’ho seguito tanto perché canta un genere molto simile a quello dal quale vengo, rock e grunge.

La cantante parla dei suoi progetti per il futuro:

C’è in cantiere un album di inediti. Tra fine settembre e ottobre ci sarà una bella full immersion per lavorare a nuovi brani, alcuni sono già pronti, altri già selezionati. Ma ho bisogno di una nuova fase creativa perché in questo periodo sto accumulando tante idee. I momenti belli di carriera ti danno grande forza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>