Grande Fratello 11, 19 novembre 2010: Nando ha subito delle molestie da parte di un estraneo

di Redazione 2

Clivio accusa Giuliano di averlo aggredito non solo verbalmente, ma anche fisicamente. In merito alla discussione tra Clivio e Giuliano, il gigolò gli contesta di averlo spinto durante la puntata serale, perchè in un altro momento lui avrebbe reagito di conseguenza.

Clivio chiede scusa a Giuliano, ma si difende sostenendo di essere arrivato a questa conclusione solo a causa delle sue continue provocazioni. Clivio ha un confronto diretto con Matteo cercando di avere ragione. Il modello si lamenta del fatto che Matteo continui a fargli la paternale, ripetendogli continuamente che ha sbagliato nei confronti di Giuliano.

Tra Guendalina e Pietro il feeling è ancora più forte. Andrea parla del loro rapporto e specifica che comunque Pietro ha una relazione al di fuori della casa. Pietro, in confessionale, si rende conto che Guendalina lo provoca molto e che è veramente dura resisterle.

La ragazza si rende conto che Pietro pensa ancora alla sua ragazza, ma afferma che il gioco è bello perchè non si può fare. Tra Angelica e Ferdinando è ritornata la serenità che avevano avuto in precedenza. La bella romana confessa di adorarlo e che ogni giorno che trascorre è sempre più presa da lui. Anche Ferdinando è dello stesso pensiero.

Nando parla con Margherita del suo rapporto con il padre. Le spiega, che non è stato presente quando è nato e le racconta inoltre che quando aveva otto o nove anni ha subito da un estraneo una molestia sessuale. Margherita è sconvolta da quello che Nando le ha detto. Nando aggiunge che, dopo questa rivelazione, c’è stato un periodo in cui era confuso sessualmente e pensava che gli piacessero i maschi. Con il trascorrere del tempo, si è reso conto che invece gli piacevano le donne.

Margherita cerca di consolarlo, sostenendo che quanto gli è stato fatto è stato un gravissimo gesto. I ragazzi dovranno affrontare una prova settimanale di ballo. I concorrenti del Grande Fratello 11 sono entusiasti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>