Grande Fratello 14, intervista esclusiva a Diego

di Redazione Commenta

Diego Ianniello è stato uno dei tre eliminati nell’ultima puntata del Grande Fratello 14. Il ragazzo sopravvissuto al televoto contro Luigi Tuccillo, non ce l’ha fatta ed è stato il terzo a lasciare la casa lo scorso giovedì. Ecco la prima parte della nostra intervista esclusiva a lui.

Ti aspettavi di uscire?

Non pensavo di vincere il televoto con Luigi, poi sono rientrato in casa e ho subito un secondo televoto che è durato appena 30 minuti è stato così breve e non pensavo di dover uscire per via di Livio.

Hai vissuto sia in casa che nel garage quali sono le differenze? Quale ti ha colpito di più?

In realtà ho vissuto tre esperienze diverse: all’inizio con Thiago e Antonio è stato tutto molto giocoso, non eravamo concorrenti era come stare in vacanza. In casa c’erano complotti, sotterfugi ambigui, era una partita a scacchi e si viveva con terrore. In garage con Luigi e Kaya è stato un periodo di relax e meditazione. Con 14-15 persone hai poco spazio, con due persone nel garage ci sono poche cose, ma almeno c’è sempre l’acqua calda!

Perché ti hanno votato, soprattutto perché avevi appena vinto un televoto…

Io speravo di andare al voto con Livio, per questo nell’eliminazione a catena ho salvato le persone a cui ero più legato e speravo di finire con lui. Le quattro persone salve erano quelle che avevo a cuore. Non mi aspettavo poi un televoto così breve, molta gente è andata a dormire e non ha potuto votare.

Con chi avevi legato di più?

Kevin, Rebecca, Federica, Verdiana. L’intesa con lei è stata fulminea, ci siamo trovati. Con Kevin avevo un ottimo legame. Sono molto contento di questi rapporti, anche con Federica, mi ha sempre palleggiato sin dal primo giorno. Anche con Manfredi, recuperando negli ultimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>