Grande Fratello, Emanuela Fuin: “Mia figlia Guendalina Tavassi mi ha stupito”

di Sara Bianchessi 1

Emanuela Fuin, madre della concorrente del Grande Fratello 11 Guendalina Tavassi, è orgogliosa di come si è comportata la figlia durante l’avventura allIsola dei Famosi. Era sicura che se la sarebbe cavata benissimo, ma l’e gieffina ha superato le sue aspettative, l’ha scoperta diplomatica e l’ha vista ridere persino ai duri attacchi del Divino Otelma.La Fuin, in un’intervista a Personaggi, parla con orgoglio della partecipazione di Guenda all’Isola:

A parte la sua fobia per gli insetti so che mia figlia è una ragazza forte e combattiva, che si adatta facilmente ad ogni circostanza. Però devo dire che sull?isola mi ha davvero sorpresa perchè l’ho scoperta diplomatica, una dote che non credevo proprio avesse. L’ho vista tranquilla, addirittura l’ho vista ridere quando l’hanno attaccata duramente, mentre tutti sanno che Guendalina non è certo un tipo che le manda a dire.

Emanuela ha visto meglio la figlia all’Isola rispetto al Grande Fratello:

Sull’Isola non c’è dubbio. Lei è una tipa sanguigna ma ha imparato a controllarsi. Certo è sempre molto ironica, ma non ha più gli aspetti negativi nel carattere che ha mostrato al Grande Fratello.

La mamma pensa che l’unico tipo che potesse piacere a Guenda sull’Isola fosse Rossano Rubicondi:

Come tipo di uomo le sarebbe potuto piacere soltanto Rossano Rubicondi, un tipo bello e maledetto. Jivago no, è carino, ma è troppo buono per i suoi gusti e purtroppo a Guenda i tipi così non interessano affatto.

In effetti visti i precedenti i gusti di Guenda in fatto di uomini sono alquanto discutibili.

 

Commenti (1)

  1. Si dice che dietro un grande uomo c’è una grandissima……… Io dico che dietro una grandissima figlia c’e una madre straordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>