Grande Fratello, Ferdinando Giordano: “Non ho mai detto di volere un figlio da Angelica Livraghi”

di Redazione Commenta

Ferdinando Giordano e Angelica Livraghi hanno formato una delle coppie più amate della storia del Grande Fratello, normale dunque che la loro rottura facesse rumore. Tra liti, lacrime e polemiche gli ex gieffini tengono banco su giornali e trasmissioni televisive da settimane.

Ferdinando ci tiene a sottolineare la sua posizione in un’intervista a Vip:

Ho deciso di intraprendere un cammino difficile e di studiare recitazione. Adesso vivo al momento. E’ sparita la mia autostima e questo mi ha portato ad avere qualche problema nel privato.

Giordano non ci sta  a passare per il cattivo:

Non sono il bastardo che non ama più Angelica. E’ che lei ha ventitre anni e io trentuno. Lei ha centomila porte aperte, io no.

L’ex gieffino smentisce di aver mai chiesto un figlio alla sua, ormai ex, fidanzata:

Sono stanco di questa cavolata! Un figlio si fa solo con certi presupposti. Ma io ad Angelica non ho mai detto niente del genere. Si parlava e si diceva: un domani chissà, perchè no, se le cose andranno bene, nulla di più.

Ferdinando cerca di spiegare i motivi della rottura:

Fuori dalla casa si sono esaurite intensità e passione. Sono subentrati dubbi, problemi e incertezze.

Giordano al momento non si sente pronto a risentire la sua ex, ma in futuro non esclude che i loro rapporti potrebbero tornare ad essere sereni:

Angelica non mi ha mai fatto del male, mi ha reso felice e io tengo tanto a lei. Adesso non mi sento di telefonarle, non riesco ad affrontarla. E’ in periodo di pausa, ma in futuro, se le cose si riaggiusteranno, potremo tornare sereni. Se lei non se la sentirà, accetterò la sua decisione.

Chissà se la rottura sarà definitiva o se la ex coppia ci riservirà qualche sorpresa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>