Il processo X Factor, puntata di sabato 14 Novembre

di Giulio Pasqui Commenta

Inizia la decima puntata del Processo di X Factor condotta da Francesco Facchinetti. Presenti in studio come sempre i PM, i vocal coach e i vari maestri. Il PM aggiunto di questa puntata è Alessandra Menzani, giornalista di Libero.

La puntata inizia con il dibattito sull’eliminazione di Chiara, presente in studio. I PM hanno sottolineato la sua decadenza delle ultime puntate, riadita da Chiara che dice di aver avuto problemi di comunicazione con Morgan. Ma non c’è solo questo: Chiara infatti si è sentita abbandonata nel suo percorso, anche se deve ringraziare il suo capitano per aver creduto in lei.

Il vocal coach Carlo Carcano non è d’accordo sul presunto abbandono di Chiara e precisa che con lei è stato sperimentata come con gli altri. Chiara, però, non da tutta la colpa di questa decadenza a Morgan ma anche a sè stessa visto che non si è sentita capace di controbattere a certe scelte. Questa avventura è servita, nonostante tutto, a Chiara che si sente cresciuta sia professionalmente che umanamente. Inoltre dice di essere entrata da Susan Boyle e uscita da Chiara e questa cosa la valorizza.

Pastore, intanto, trova una particolarità nelle eliminazioni. Settimane fa Damiano è stato eliminato perchè cantautore mentre mercoledì Silver è stato salvato per il medesimo motivo.

Chiuso il capitolo Chiara se ne apre un’altro, quello relativo alla prima manches della decima puntata. La prima ad essere processata è Paola. Per Pastore è una delle candidate alla vittoria per la sua voce strepitosa. Per Alessandra Menziani quest’anno i 25+ sono i più maturi e i più adatti a Sanremo.

Si continua ad analizzare la prima manches: è il turno di Silver. Peroni dice che è il pregio di Silver è stato quello di sostenere il pezzo di Tenco considerato brutto e poco adatto dalla Mazzini, che consiglia a Carcano di farlo cantare. Il vocal coach dei 16/24 precisa che il pregio di Silver è l’avere doti teatrali, così il maestro Miccio lo invita a fare l’attore.

Si passa a processare Marco che per Benedetta Mazzini Marco è l’artista completo anche se non riesco a tirarlo fuori come ci riesce Silver. Per la Elia, invece, Marco ha la voce troppo acuta e urla troppo.

Intanto gli speaker radiofonici danno un 7- a Morgan. Per i PM, inoltre, è tempo di pronostici per il papabile vincitore: Antonella Elia candida Giuliano, Pastore candida Marco, Giuliano e Paola mentre per Benedetta, Pierpa e Alessandra Menziani è Marco il vincitore annunciato.

Si continua a processare i talenti, è il momento di Giuliano che è in collegamento dal loft. Giuliano dice di aver una leggere utite e mal di gola. Si discute sulla differenze fra Giuliano e Celentano, confronto inutile secondo me. La pagella degli speaker per Claudia si ferma al 6+.

Le Yavanna, che nell’ultima puntata hanno cantato Alexander Platz, dovrebbero accorgersi – per Pastore – dell’attenzione e dell’impegno che ci stanno mettendo Gaudi e Mara per valorizzarle. Intanto Marco è la più amata degli speaker: è 7 1/2 il suo voto.

Si incomincia ad analizzare la seconda manches, quella dedicata a Micheal. Per commentare questa manches si aggiunge ai PM anche Valerio Palmieri, giornalista di Chi.

Opinioni a go-go dei PM: per tutti Marco è stato il migliore e colui che è stato meno in difficoltà. Carcano, invece, sottolina che Marco non ha dato il massimo e che era sottotono. Tutti d’accordo, i PM, anche sulla bella esibizione delle Yavanna.

Bombetta a Cesare Cremonini.

Dopo aver presentato i pezzi della prossima puntata, viene annunciato che nelle prossima puntata ci sarà l’orchestra.

Per tutti i PM, tranne Pastore (che vota Paola) e per Benedetta (che vota per le Yavanna), sarà Silver il prossimo elimianto. Per la maggior parte degli speaker invece saranno le Yavanna le prossime eliminate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>