L’isola dei famosi 6 – chi vince? Vladimir Luxuria, Leonardo Tumiotto, Belen Rodriguez o Carlo Capponi?

di Diego Odello 2

Siamo giunti alla finale: stasera sapremo chi, tra Vladimir Luxuria, Leonardo Tumiotto, Belen Rodriguez e Carlo Capponi sarà il vincitore della sesta edizione del reality di Raidue e potrà entrare nell’albo d’oro, che annoverà già Walter Nudo, Sergio Muniz, Lory Del Santo, Luca Calvani e Manuela Villa.

Tutti i finalisti hanno pari possibilità di spuntarla, perché è il pubblico, che decide, attraverso il televoto, il vincitore, però logica vuole che qualcuno debba essere il favorito. Vediamo i pro e i contro di ogni concorrente.

Vladimir Luxuria è il favorito: dalla sua ha la grande personalità, l’umanità e la simpatia necessaria per essere votata; di contro ha la possibile stupida discriminazione di alcuni spettatori (potrebbe essere il primo trans gender a vincere un reality) e il fatto di essere stato un politico.

Carlo Capponi: è già diventato celebre, amato ed imitato. Potrebbe essere il primo non famoso a vincere un reality contro un Vip; di contro, avendo già partecipato a molte trasmissioni, potrebbe risultare falso e costruito.

Belen Rodriguez: ha tramato dall’inizio alla fine e va bene per lo spettacolo e per il gioco; è l’antagonista di Vladimir Luxuria e piace all’universo maschile; di contro, il tradimento (il bacio con Rossano) e certe cadute di stile, potrebbero non essere gradite al pubblico.

Leonardo Tumiotto: potrebbe essere il primo sportivo a vincere il reality. Piace, perché si è sempre sacrificato per il gruppo (a livello fisico), un po’ meno per la relazione con Veridiana e per la presunta truffa nell’ultima prova immunità.

Per ora, la favorita nel nostro sondaggio è Vladimir Luxuria. Voi chi preferite? Continuate a votare e a commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>