Italian Academy 2, la finale vinta da Morena. Video

di Diego Odello 3

Ieri pomeriggio si è concluso Italian Academy 2, con la vittoria di Morena Bonnici (il video dopo il salto).

Il talent show di Raidue dedicato al ballo tornerà a gennaio per una seconda edizione, ma intanto è già tempo di bilanci: a livello di ascolti la seconda rete della Rai non può festeggiare (700 mila spettatori e il 5% di share), anche se Canale 5 per boicottare la sua riuscita si è inventata i Casting di Amici (che guarda caso sono finiti ieri).

Aldo Grasso, prima della finale, su Il corriere della sera, ha sottolineato l’assenza della costruzione dell’evento:

Academy vuole essere un talent puro, senza grandi concessioni al reality. I suoi spettatori più fedeli sono giovani-adulti (venti-trentenni), con una discreta presenza al Nord ma scarsa penetrazione al Sud. La partenza lenta di Academy fa riflettere sul meccanismo del talent: anche X Factor, che è stato un buon successo nelle prime serate, non ha mai sfondato in striscia quotidiana. Il talent ruota attorno all’evento, e l’evento bisogna saperlo costruire, come da anni riesce Maria De Filippi coi suoi Amici. Le strisce sono corollario, che starebbero bene anche sui canali digitali, più di nicchia. Un talent, se ben fatto, ha tempi lunghi, deve poter costruire un brand. I concorrenti di Amici possono ormai permettersi una programmazione prolungata, che continua dopo l’evento, con i provini del sabato, seguiti da oltre 3 milioni e mezzo di spettatori (25%). Per Academy la strada è ancora lunga.

E’ giusto, secondo voi, rinnovare la fiducia ad Academy a prescindere dagli ascolti? Confermereste Lucilla Agosti alla conduzione? Cosa cambiereste del talent?

Commenti (3)

  1. io confermerei lucilla alla conduzione di academy cambierei l’entrata delle coppie nuove ogni settimana xke magari alla finale arriva 1coppia nouva e vince 1di loro ma nn lo meritano quanto quelli ke erano li dall’inizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>