La fattoria, Marina Ripa Di Meana cacciata dalla Perego, le pseudo love story finiscono in diretta. Dove è la realtà?

di Redazione 12

A distanza di due settimane, la mia tesi sull’inadeguatezza di definire La fattoria un reality, quando in realtà è un talk show, è sempre più confermata.

Anche ieri sera si sono disattese tre regole principali che fanno di un programma un reality: il gioco è stato messo in secondo piano (per lasciare spazio a gossip e discussioni) ed è poco attinente con l’idea iniziale (i due esclusi della settimana scorsa non sono stati molto coinvolti, la sfida non aveva nulla a che fare con la vita del contadino, così come la missione); il regolamento è cambiato nuovamente (si vede che nella casta c’erano persone che il fazendero voleva fuori dal programma), il pubblico anche questa volta non è sovrano (a casa un concorrente scelto dai compagni).

Il talk show della dittatrice Perego (che può anche aver ragione, ma non è corretto mandare fuori le persone solo perché vanno contro al tuo modo di pensare: la conduttrice avrà pure salutato le eliminate, ma è vero che il programma è Corona centrico, visto che tutto sembra costruito a sua immagine e somiglianza) sta diventando sempre più una farsa:le storie iniziano e si concludono nel corso delle puntate (vedi Ciro Marianne e quella più clamorosa e pilotata tra la Del Santo e Pietrantonio); i concorrenti che arrivano in ritardo è perché hanno perso l’aereo; le storie familiari vengono inizialmente amplificate e successivamente ridimensionate (come si fa a dare due versioni discordanti su una persona che è stato colpito da un malore; si parla di sesso invece che di lavoro in fattoria, si dà spazio a presunti ragazzi o ex ragazzi, che hai concorrenti; si creano sfide insensate (che doveva fare l’infortunato Milton a La fattoria?).

Concludendo: questo reality costruito sta cadendo a pezzi, a causa della totale assenza di contenuti. Speriamo che anche il pubblico l’abbia bocciato. Noi l’abbiamo già fatto, ma per dovere di cronaca continuiamo a seguirlo insieme a voi.

Commenti (12)

  1. Tutti a spalare le macerie in Abruzzo!! Qui si sta’ rasentando lo squallore!

  2. @ David:
    Di fronte a queste tragedie purtroppo ci sentiamo imponenti e tutto il resto diventa superficiale.

  3. @ Monia Gelfo:
    Quel che dici purtroppo e’ vero, Monia. Ma che la gente dia importanza a queste stupidaggini e’ assurdo! Questi personaggi non valgono una cicca,
    prendono soldi a palate ed in piu’ sono senza dignita’ alcuna. Quando dico che dovrebbero andare tutti a spalare macerie in Abruzzo, e’ per non mandarli da un’altra parte, che sarebbe inutile e volgare menzionare.

  4. @ David:
    @ Monia Gelfo:
    ma perché dovete infangare il buon nome della Perego?

  5. @ rules54:
    Assolutamente non voglio infangare il nome della Perego, ognuno ha le proprie opinioni. Sono semplicemente sconvolta per ciò che è successo oggi, cosi come tutti.

  6. ma chi e’ Daniela Martani ex NULLA, ex hostess fallita, ex GF fallita, ex La Fattoria fallita. Ma lasciatela a casa, Fede e’ proprio un “pirla”!
    ma chie e’ Marina Ripa di Meana, ex moglie di un povero cornuto, ex NULLA.
    Non possiamo lasciare fuori dalla ns. TV i personaggi che urlano, vedi Sgarbi
    e tantissimi altri?
    Prego rispondete e commentate, Grazie. Silvano Soldaini

  7. @ silvano soldaini:
    comunque non è colpa della perego!

  8. @ silvano soldaini:
    Silvano, sono perfettamente d’accordo con te! Oltretutto la Martani potrebbe chiedere consigli per il suo futuro alla Ripa di Meana, dato che si sono schierate insieme e son diventate amiche. In pratica la Martani potrebbe fare cio’ che la Ripa di Meana ha fatto sino a poco tempo fa’………mi sono spiegato??? Ciao.

  9. Incredibile, i programmi condotti dalla Perego stanno raggiungendo vette di squallore e volgarità allucinanti.. e anche se la Martani non mi è per niente simpatica qui non ha fatto sicuramente nulla per meritare di essere cacciata. Ma che conduttrice di classe XD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>