La Talpa 3 – Giorno 45

di Emanuela Zaccone Commenta

-3 al “new” talpa day. Il tempo delle partenze si avvicina e come nella migliore tradizione il party d’addio non poteva mancare. Quello che è straordinario sono gli organizzatori. Gli Zulu, infatti, hanno invitato i ragazzi ad una festa in capanna.
In realtà non sono solo gli Ndelu ad attendere i finalisti, ma una vera e propria comunità: ci sono piatti tipici Zulu, birra di sorgo e molta musica tradizionale.


Thabiso chiede a Melita di rimanere in Sudafrica, ma invano. Idem per Lindi che vorrebbe che Clemente non partisse.
Le ragazze, intanto, raccontano ad una delle invitate quale sia il lavoro di Franco: la giovane corre subito ad abbracciarlo ed adularlo! Mentre tutti ballano, le ragazze spiegano a una delle invitate alla festa, qual è la professione di Franco Trentalance.
Il vero tormentone musicale della festa, comunque, è la mitica canzone del risveglio Zulu.

Finiti i festeggiamenti c’è tempo per la spiritualità.
Alla sera Nonno Vi invita tutti in capanna per predire loro il futuro con le conchiglie.
Karina chiede della sua storia d’amore, e il nonno dice: “Non preoccuparti del tuo rapporto con Sasà”.
Per Melita, invece, è previsto un ritorno: “Un giorno questa capanna ti vedrà ritornare”.
L’unico ad andare fuori è Clemente: “Sono religioso, non credo in queste cose”.

Il gioco, però, non è ancora finito: Franco, Clemente e Pasquale tornati in barca parlano delle strategie di gioco.
Sarebbe meglio, secondo loro, votare apertamente per evitare la dispersione delle preferenze e favorirne la confluenza sul più nominato.

C’è spazio anche per le teorie sul rapporto uomo-donna: “Ormai si arriva subito al dunque con le donne di oggi” – constata Pasquale – “Sono loro le prime a dirti che vogliono divertirsi e che non vogliono affatto fidanzarsi”.
Clemente e Franco annuiscono sognando, forse, una donna principessa vecchio stampo…

Infine, ecco uno degli ultimi indizi del giorno: “Quando si discute di un argomento su cui hai idee poco chiare, come reagisci?”, la risposta sembra calzare a pennello a Franco: “Guardo, ascolto e cerco di capire, però con un po’ di distacco”. L’avrà detto proprio lui?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>