La Talpa 3: eliminata Emanuela Tittocchia, Karina Cascella in casa Zulu e Fiordaliso non è la Talpa

di Redazione 2


Finalmente ci siamo: poco dopo le 21 parte la terza edizione de La Talpa.
Nello studio di Questa Domenica (ovviamente riadattato) appare Paola Perego che presenta le schede dei concorrenti e lancia immediatamente la sigla. Dopo un video sul Sudafrica viene presentata la specialissima inviata Paola Barale.

Si parla subito della prima missione dei concorrenti in Africa: sono stati dei padroni di casa particolari a dar loro il benvenuto, gli squali bianchi. In mare sono state gettate delle esche per attirare gli squali, mentre i concorrenti, in gabbia, devono resistere sott’acqua – in compagnia dei “simpatici” animali – per ben dieci minuti. Emanuela Tittocchia piange per l’ansia della prova, Franco Trentalance vacilla: ha una vera e propria fobia per gli squali, così, dopo aver accettato di fare la prova si tira indietro. Nessuno dei due concorrenti vi paretciperà. In ogni caso il gruppo guadagnerà 10000€ con questa missione.

Attesissimo, a questo punto, giunge il primo impatto dei concorrenti con la loro “casa”. La Barale, infatti, come un Caronte della TV, porta con sé su una barca le tredici potenziali talpe bendate. Non appena scopre loro gli occhi per presentare il luogo in cui abiteranno, parte subito la lamentela di Karina che poco gradisce l’estetica del rifugio.


Il clima si stende un po’ mentre la Perego chiede a ciascun cosa abbiano scelto di portare nei loro zaini…peccato che poco dopo zaini e casa brucino tra le fiamme: è la punizione per non aver superato la prova degli squali (colpa dei rifiuti di Trentalance e Tittocchia). Insieme al fuoco scoppia anche la polemica, ma la Perego rivela poi che gli zaini e la casa non erano quelli dei concorrenti.

Intanto vengono presentati anche gli opinionisti: la direttrice di Novella 2000, Candida Morvillo, Vincenzo Cantatore, pugile, e Barbara Alberti, scrittrice. Un video ci mostra poi delle interviste ai concorrenti in cui ciascuno confessa le proprie fobie.
A metà esatta del programma, finalmente, giunge il momento tanto atteso: l’investitura della talpa. L’unica certezza è che non si tratterà di Fiordaliso che, gettando la propria busta nel fuoco, ha lasciato vedere il “No” che vi era scritto.

A questo punto inizia la prova d’accesso: i concorrenti devono farsi marchiare con un ferro caldo. Subito dopo parte la grande prova degli uomini fango. Si tratta di una sfida “tarata” (Perego dixit) per essere fattibile ma a quanto pare così non è: i concorrenti, disposti in coppie e legati, devono fare un percorso e cercare nel fango una chiave che consentirà loro di liberarsi (stando attenti ai pitoni che si trovano strada facendo). Hanno due minuti di tempo e in caso di fallimento resteranno legati per una settimana e perderanno 2000€.
Esaurite le coppie (e dopo aver accertato l’incontinenza di Franco Trentalance!), dallo studio la Perego annuncia che i perdenti comunque non dovranno restare legati: così infatti hanno deciso i produttori da Roma (inoltre Paola voleva farsi perdonare la storia degli zaini).

In studio intanto si “analizzano” impegno e atteggiamento dei concorrenti nella prova per intuire chi sia la talpa.

C’è una domanda più importante: chi vuol essere complice della talpa? La Perego fa partire a sorpresa i video registrati degli incontri tra i concorrenti e gli autori. Ai primi, in caso di accettazione, sarebbe svelata l’identità della talpa. Morale: tutti hanno accettato, soprattutto perché pensavano che gli altri non l’avrebbero mai saputo…
Mentre Russo sostiene che questo gioco è inadatto per le donne (troppe prove fisiche), Karina si sente addirittura “destabilizzata” dall’essere sotto la media di Kamilia e Paola mostra il replay della spallata (volontaria o no?) data dalla modella alla Cascina.

Infine, è il momento della cerimonia del sospetto della talpa che da quest’anno ha nuove modalità: non sarà più un voto segreto, ciascuno pianterà la lancia davanti al sospettato dicendo “sei tu la talpa”. Quasi tutti votano Emanuela Tittocchia che non riesce neanche a superare il test finale con Karina. Secondo l’attrice torinese, in realtà, i suoi compagni non l’’hanno nominata perché la sospettavano, ma non vuole dirci qual è secondo lei il vero motivo…

Intanto non resta che raccogliere i vari indizi per cercare di capire chi sia veramente la talpa!

Commenti (2)

  1. Io li farei stare tutti a pane e aceto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>