L’Isola dei Famosi: giorno 11

di Redazione Commenta

A Cayo Paloma, i naufraghi sono pronti a rifocillarsi (almeno ci provano!) con un pugno di riso ben cotto. Di certo il sapore non sarà gustosissimo ma Vladimir, con il suo senso dell’humour, sa apprezzare ugualmente (non c’è altra via d’uscita) e si diletta ad indispettire Flavia, (soprannominata Agente 007 acqua), dicendo di aver usato per il riso cosi tanta acqua da lasciar presto i naufraghi a bocca asciutta. Flavia sta allo scherzo e se la ride. Vladimir continua facendo cabaret:finge di essere una telespettatrice che segue il reality,e commenta in modo ironico tutti i personaggi de L’Isola, tra cui anche se stesso, chiedendosi ad un certo punto: “ma chistu è masculu o femmina?”.

Ulteriori commenti su Flavia: a quanto pare Antonio, in apparenza molto calmo (da sempre l’acqua cheta rovina i ponti), soffre la presenza di Flavia, che definisce viziata e brontolona. A dargli man forte è come al solito Belen, che tanto per non passare inosservata, fa una scultura sulla sabbia: una donna nuda sdraiata sul ventre con i glutei accentuati (non ti basta mostrare quelli tuoi? )

Carlo intanto si è più che adattato al nuovo contesto, tant’è che chiarisce a Michi e Flavia di non voler più ritornare dai Nip per essere comandato e maltrattato, come soleva accadere.

A Laguna Cacao, Sonia, Maria Grazia e Chiara ritornano con un bottino di ben cinque pesci. Chiara è infastidita dal fatto che le altre non abbiano minimamente pensato alle difficoltà in cui si trovavano Daniele ed Alessandro, che avevano il compito di custodire il fuoco ma con poca legna: che spirito d’altruismo! Un pensiero costante attraversa la mente dei naufraghi: la mancanza di Giucas che dava loro forza e gioia ( e ora sta in ospedale.. figuriamoci se infondeva loro tristezza e infelicità!).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>