L’Isola dei Famosi: giorno 53

di Redazione Commenta

Oggi ai naufraghi spetta la prova ricompensa: ci si augura che il premio sia il cibo, di cui tutti hanno l’ossessione. Per placare la fame, infatti, i naufraghi cercano di raccogliere quanti più granchi, frutti e mandorle amare possibili, nonostante ciò possa comportare malori com’è avvenuto per Veridiana ed Ela.

Finalmente dopo tanti giorni, a Playa Uva spunta il sole. Carlo e Patrizia si lamentano del fatto che non sono riusciti a dormire durante la notte e per i troppi mosquiton. Anche Belen e Veridiana si lamentano degli insetti.

Alessandro ha notato che a Cayo Paloma c’è una persona: è inconsapevole del fatto che questa è la nuova location dei lavori forzati e che la persona che il naufrago ha visto è proprio la compagna Vladimir. Quest’ultima, alla spiaggia dei lavori forzati, spiega di non sentire la mancanza degli altri naufraghi e già immagina che Belen inizi a puntare al nuovo leader per poter diventare la sua prediletta.

Finalmente i naufraghi si preparano per la prova ricompensa e si rivedono con Vladimir, che dice loro di stare a Cayo Paloma. Leonardo ha intenzione di andarla a trovare per poter pescare meglio. La prova consiste in questo: più i naufraghi rimarranno appesi ad una gabbia sospesa, più vinceranno del cibo. Questa settimana potranno vincere 50 gr di pasta, una banana e un tavoletta di cioccolato. Se il gruppo riuscisse a resister più tempo possibile, potrebbe vincere 5 polli con patate al forno.

Sono Veridiana, Leonardo, Belen e Alessandro che permettono ai naufraghi di gustare il premio più appetitoso vincendo la ricompensa. Dopo essere ritornati a Playa Uva i naufraghi iniziano a riempire le loro pance con quello che hanno vinto, mentre Carlo e Patrizia commentano come si siano avventati sul cibo in maniera selvaggia. Partizia, oltretutto, è indispettita dall’atteggiamento di Peppe, che ha accettato il cioccolato offertole da Vladimir, e racconta l’accaduto a Leonardo, che sembra fare orecchie da mercante. Con un pò di sprint e di energia in più, i naufraghi si apprestano a continuare la costruzione della palafitta.