L’Osservatore Romano attacca i talent show come Amici di Maria De Filippi: scuole di perfidia

di Redazione Commenta

Anche L’Osservatore Romano si unisce ai cori di critiche nei confronti dei talent show: Marcello Filotei, sul quotidiano ufficiale di Città del Vaticano, scrive:

Nati con l’intento di dare una possibilità di emergere a chi ha particolari qualità artistiche questi programmi sono progressivamente scaduti in vere e proprie scuole di perfidia … la rivalità esacerbata pare richiesta per contratto. Litigi e maldicenze vengono profuse a piene mani, evidentemente per copione, per incidere sull’audience e per creare a tavolino successi ‘obbligati’.

Sul banco degli imputati ci sono anche i professori:

è proprio opportuno che adulti artisticamente sulla via del tramonto avviino adolescenti sognanti sulla strada della notorietà ad ogni costo?

Secondo il giornalista i vincitori godranno di un successo a scadenza, mentre ai telespettatori solo modelli comportamentali unicamente mirati alla notorietà televisiva.

Siete d’accordo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>